Manca il guard rail? C’è il materassino

Cursi-Melpignano. Un singolare espediente segnala la mancanza della struttura di sicurezza al margine della strada. Associazione: E’ tempo di risolvere il problema

CURSI-MELPIGNANO – In un’estate di gravi incidenti stradali, ci sono situazioni che non si possono tacere. E’ il caso della mancanza del guard rail sulla Provinciale Cursi-Melpignano, che costeggia, in alcuni punti, delle cave di pietra leccese. Ciò determina una grave situazione di pericolo che è stata sottolineata con forza dall’associazione GenerAzione, che ha l’intento di metterla all’attenzione degli enti preposti alla sicurezza stradale. Le cave che “accompagnano la strada”, sono profonde e scavate a pochi metri dal manto stradale della provinciale, percorsa giornalmente da mezzi pesanti, da camion con motrice e rimorchio, da ruspe, muletti e molti altri mezzi pesanti. Gli stessi mezzi, nell’operazione di manovra, incrociano non solo i cittadini di Cursi e Melpignano ma un flusso sempre crescente di turisti. Per scongiurare un’eventuale tragedia, non è stata adottata alcuna precauzione, fatta eccezione per un materassino da mare e due legni incrociati, un espediente non sufficiente, come è facile intendere, ad impedire in caso di sbandata o incidente tra mezzi, un’eventuale caduta all’ interno della cava. “Quello che non è tollerabile – dicono i membri dell’associazione – è l’indifferenza della classe politica, di fronte a questi pericoli. Non basta quindi giustificare i continui incidenti stradali con lo stato d’alterazione dei conducenti o con la sola velocità. Nel caso della Cursi-Melpignano basta veramente poco per finire dritti nel precipizio”. GenerAzione, attraverso una missiva che verrà inviata nei prossimi giorni, impegnerà i preposti alla sicurezza, partendo dai sindaci delle due comunità interessate, alla Polizia Provinciale, al Presidente della Provincia, chiedendo di porre in essere, nell’ambito delle proprie competenze e responsabilità, ogni provvedimento necessario a garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini, sul tratto di strada indicato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment