Mènze maniche, seppie e scarciòppule

IL SALENTO A PORTAR VIA. Galatina. Filomena insegna a turisti e salentini come preparare le mezze maniche con seppie e carciofi

GALATINA – Filomena, che di cognome fa Palumbo – 63 anni – di recente ha cuore e testa solo per la sua prima nipotina Emma, che vorrà guidare certamente nei suoi primi passi in cucina. L'ingrediente essenziale di queste mezze maniche è, manco a dirlo, l'amore. Potrete gustare questo piatto al meglio in inverno, riassaporando il ricordo della vostra vacanza dalla quale avrete portato via, come souvenir, dei pomodori “pendolini”, che vanno tagliati in quattro pezzetti e travasati in una casseruola con mezzo bicchiere d’olio d’oliva fumante. Si facciano appassire con uno spicchio d’aglio, poi si aggiungano i carciofi ben puliti e tagliati a spicchi, si facciano insaporire e si uniscano le seppioline tagliate sottilmente. Si facciano insaporire con i pomodori e i carciofi, si incoperchi la casseruola e si facciano cuocere seppie e carciofi per 40 minuti almeno, aggiungendo se necessario acqua bollente. A fine cottura si versi sulle seppie un trito di prezzemolo, aglio, rucola e timo. Poi si lessino le mezze maniche in acqua salata, si scolino al dente e si condiscano con la salsa di seppie e carciofi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment