Petàte e pipi russi. Mai più senza

IL SALENTO A PORTAR VIA. Corsano. Volete imparare a cucinare un piatto tipico? Ve lo insegna Teresa Apostolo, maestra per 40 anni

CORSANO – Teresa Apostolo ha l'insegnamento nel sangue, dopo più di 40 anni trascorsi fra i banchi delle scuole elementari. E ci ha svelato questa ricetta semplice e saporitissima, nella quale la bontà delle verdure è essenziale per la riuscita del piatto. Per essere sicuri della riuscita basta scegliersi dei buoni critici enogastronomici. Teresa ha i suoi tre uomini, marito e due figli maschi, a fare da giuria. E in genere la premiano con un bel 10! Economico e completo il piatto che unisce la pastosità delle patate al gusto inconfondibile del peperone, in estate al suo ottimale grado di maturazione. Gli ingredienti: 1 kg di patate, 5 peperoni gialli carnosi, 300 gr di pomodori pelati, peperoncino piccanti, olio d’oliva, sale Sbucciare le patate e immergerle in acqua fredda. Tagliarle a rondelle e, dopo averli privati della parte bianca interna e dei semi, spezzettare i peperoni con le mani. Versare in una padella di ferro mezzo bicchiere d’olio, unire le patate e i peperoni e rosolare per 7-8 minuti. Unire poi i pelati, regolare di sale e peperoncino piccante e completare la cottura a fuoco basso senza far attaccare le verdure al fondo della padella.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment