Ancora sbarchi sulle coste salentine

Nonostante i controlli da parte della Guardia Costiera, arrivano nuovi profughi via mare. 17 migranti fermati dai carabinieri

Non si fermano i viaggi della speranza verso l'Italia, con primo approdo il Salento. Anche ieri, dopo gli sbarchi nella zona di Leuca dei giorni scorsi, sono stati rintracciati 17 nuovi migranti, sulla provinciale che collega Otranto a San Cataldo e sulla statale Otranto – Maglie. Erano circa le nove di mattina, e sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Maglie e del commissariato otrantino. Tutti uomini, tutti adulti, dichiaratisi afghani e pakistani, arrivati probabilmente nella notte su un gommone oceanico, nel tratto di mare più vicino ai laghi Alimini. Soltanto in diciassette sono stati fermati e trasportati al centro di identificazione Don Tonino Bello di Otranto. Ed è probabile quindi che molti siano riusciti a fuggire per le campagne, approfittando della confusione della giornata di ferragosto, diretti chissà dove.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment