La pitta, come la fa Laura

IL SALENTO A PORTAR VIA. Carmiano. Pitta rustica te petit. La ricetta di Laura Tommasi manda in visibilio il marito Tino

CARMIANO – Originaria di Sternatia, Laura Tommasi ha 60 anni e vive a Corsano con il marito Tino che va in visibilio per la sua pitta te patate. Sono mani abituate a lavorare la pelle le sue, con anni e anni di esperienza, ma che in cucina creano dei piccoli capolavori anche con ingredienti semplici come questo. Il segreto? “L'amore!” dice lei, “e non solo in cucina”. Ogni comune propone la sua versione di questo piatto povero e gustoso come solo sa essere la cucina salentina. Per prepararlo occorrono 1,5 kg di patate, 100 grammi di farina bianca, 100 g di pecorino dolce grattugiato, 2 uova intere, 50 gr di pan grattato, 100 gr di pomodori pelati, 2 cucchiai di capperi, 100 grammi di olive nere snocciolate, 100 grammi di alici diliscate, 5 cipolle medie, 2 zucchine, origano, olio. Lessare e sbucciare le patate ancora calde e passarle al setaccio. Unire la farina, il formaggio, le uova, il pan grattato. In una casseruola cuocere le cipolle tagliate sottilmente e le zucchine a rondelle con mezzo bicchiere d’olio. Unire i pomodori a pezzetti, le alici, i capperi, le olive e regolare di sale e peperoncino. Dividere l’impasto in due parti e formare due sfoglie. Ungere d’olio una teglia di 30 cm di diametro e poggiarvi all’interno il primo strato di sfoglia. Farcire con il condimento, spolverare di origano e pepe nero e coprire con un altro strato di pasta. Ungere d’olio la superficie della pitta, spolverare di pan grattato e cuocere in forno caldo a 250 gradi per 40-45 minuti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!