Santa Croce sotto stretta sorveglianza

La chiesa barocca monitorata per pericolo di crolli. Si studiano i possibili interventi

Dopo l'allarme lanciato a fine maggio, la Chiesa di Santa Croce a Lecce, capolavoro barocco e immagine cartolina della città capoluogo, è sotto sorveglianza speciale. Ieri, la ditta Nicolì srl, di Lequile, che si occupa dei lavori ha posizionato una rete di protezione proprio sotto il rosone, per evitare che la pietra leccese pericolante si stacchi e precipiti al suolo, rovinando per sempre lo storico edificio di culto. Mentre la Sovrintendenza faceva il punto sulle immagini scattate dai Vigili del fuoco proprio due mesi fa e sui rilievi effettuati dall’architetto Giovanna Cacudi e dal professor Carlo Blasi, titolare della cattedra di Restauro nella facoltà di Architettura dell’Università di Parma, il 26 luglio scorso sono stati allestiti ponteggi sui lati e sulla parte posteriore della Chiesa, meta anche in agosto del pellegrinaggio di migliaia di turisti e bisognosa di un intervento di ristrutturazione del quale non si conoscono ancora tempistiche ed entità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!