Filograna. Muore un'epoca

Un vissuto personale e professionale da storia epica

Se ne va 'Mesciu Uccio', uomo dal carattere impetuoso, leader accentratore, individualista e dotato di straordinario intuito.

Antonio Filograna si e' spento serenamente nella sua casa all'eta' di 88 anni. Fondatore e presidente onorario del Gruppo Filanto, ha un vissuto personale e professionale dipinto con i toni accesi delle imprese epiche. La bicicletta con cui iniziò a vendere nei mercati le scarpe che riusciva a produrre a mano, è andata persa. L’ha cercata per anni, un po’ come Orson Welles in Quarto potere con la sua slitta dei giochi d’infanzia. Perché è da lì, da quella bicicletta, che è iniziata la storia di un’azienda che coincide con la storia del manifatturiero italiano. Era ancora un bambino quando alternando la scuola elementare all’apprendistato per il lavoro di calzolaio, ha capito di avere risolutezza ed attitudine al comando. Doti che evidentemente abbondavano nella Casarano del dopoguerra, se si guarda ad altri futuri imprenditori calzaturieri di successo, partiti da zero: Salvatore Nicolazzo, Adelchi Sergio, Giovanni Mastrogiovanni, Antonio De Rocco, e i tantissimi altri che hanno fatto del basso Salento uno dei poli calzaturieri più importanti del mondo. Nel 1948 si mette in proprio aprendo un piccolo laboratorio artigianale a conduzione familiare e da allora non si è più fermato. Nel 1980 viene rapito e il rilascio dopo sette mesi di prigionia. Si racconta che i suoi operai, per festeggiare la liberazione di “Mesciu Uccio”, lo issarono sulle spalle con tutta l’auto su cui era ancora a bordo. Nel 1997 la nomina a Cavaliere del Lavoro. Uomo dal carattere difficile e impetuoso, per decenni si è fatto carico di tutte le funzioni aziendali, dalla progettazione alla produzione e vendita. In tanti decenni da lavoro ha costruito un impero: leader accentratore, individualista e dotato di straordinario intuito, ha dato lavoro a migliaia di famiglie, cambiando il volto di una città e riposizionando l'economia di un intero territorio. Con lui il distretto di Casarano è diventato il primo produttore europeo di calzature. La redazione del Tacco d'italia partecipa al dolore della famiglia Filograna e porge le piu' sentite condoglianze.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment