Un frantoio ipogeo sotto lo studio. Nei guai professionista

Gallipoli. Il sito archeologico risale al XVII secolo. L’uomo è stato segnalato alla Procura della Repubblica

GALLIPOLI – Nel pieno centro storico gallipolino, nella parte sottostante uno studio professionale, vi era, nascosto, un sito archeologico di notevole interesse storico-culturale risalente al XVII secolo. La scoperta è stata effettuata dalle fiamme gialle della Finanza di Gallipoli. In particolare, si tratta di un frantoio ipogeo seicentesco, rinvenuto al piano interrato di un palazzo, al quale si accede attraverso una scala scavata nella roccia che, partendo dal piano terra, al di sotto della pavimentazione ed in prossimità dell’ingresso dei locali adibiti a studio professionale, consente di scendere al piano sottostante. I militari hanno constatato l’omessa comunicazione di tale frantoio al Ministero dei Beni Culturali, come previsto dal Testo Unico che regolamenta la materia. Inoltre, il “sito archeologico” era stato oggetto di ristrutturazione senza la prescritta comunicazione al Dicastero. Pertanto, i Finanzieri hanno proceduto al sequestro del sito rinvenuto e alla segnalazione alla Procura della Repubblica di Lecce del professionista poiché, senza autorizzazione, aveva eseguito lavori su beni culturali nonché proceduto a ricerche con conseguente ritrovamento di beni archeologici senza concessione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!