Confindustria-Equitalia: meno burocrazia per le imprese

Lecce. L’intesa siglata istituisce una corsia rapida per l’accesso ai servizi di assistenza e informazione da parte degli industriali

LECCE – Più semplificazione e meno burocrazia per le imprese grazie all’accordo sottoscritto tra Equitalia Etr e Confindustria. L’intesa, che attua il protocollo nazionale siglato lo scorso dicembre tra Confindustria ed Equitalia SpA, istituisce una corsia rapida per l’accesso ai servizi di assistenza e informazione, in un’ottica sempre più improntata all’efficienza e al dialogo con le realtà produttive. In base a quanto concordato, Equitalia Etr mette a disposizione della confederazione e dei suoi delegati una linea telefonica dedicata, per ricevere informazioni e chiarimenti su specifiche problematiche ed uno sportello telematico, attraverso il servizio “Contatta l’Assistenza Contribuenti” del sito www.gruppoequitalia.it, per formulare domande sulle principali aree tematiche dei “ruoli” e del “conto fiscale”. In caso di quesiti particolarmente complessi, l’agente della riscossione provvederà via e-mail a fissare un appuntamento con il referente della confederazione. “L’intesa siglata può contribuire a ottimizzare la relazione tra le imprese associate a Confindustria e l’Agente della riscossione Equitalia Etr – ha dichiarato il presidente di Confindustria Lecce, Piernicola Leone de Castris – in modo da rendere più efficace l’assistenza al mondo produttivo del territorio”. “L’attivazione di un canale diretto con Confindustria Lecce – ha aggiunto l’amministratore delegato di Equitalia Etr, Giancarlo Rossi – conferma l’impegno di Equitalia nel promuovere efficaci sinergie con le associazioni, al fine di individuare nuovi strumenti di relazione che possano facilitare l’ascolto del contribuente, soprattutto nei momenti di difficoltà per i cittadini e le imprese”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!