L'Unione nazionale dei tecnici locali a Casarano

Riunione del consigliom direttivo UNITEL. Obiettivo: favorire la cooperazione delle forze in campo e l’organizzazione efficiente delle risorse

Sabato 9 luglio, si è insidiato il Consiglio Regionale di Unitel Puglia, alla presenza dei membri del Consiglio Direttivo (il presidente Francesco Longo dell’UTC Casarano; Edoardo Savoiardo, UTC Trani; Anselmo Antonaci, UTC Casarano; Sergio Leone, UTC Gallipoli), che ha discusso di vari argomenti di natura logistica e organizzativa. L’occasione è importante per Casarano, perché l’organo dell’Unione nazionale dei tecnici locali si riuniva per la prima volta nella nuova sede presso il Comune. All’incontro hanno preso parte Gianni Stefano, assessore alla Pianificazione e Gestione Territoriale della Provincia di Lecce, l’ing. Tommaso Caputo, Dirigente UTC dell’Ospedale di Cittadella (PD) e numerosi tecnici e professionisti dei Comuni del Sud Salento. Soddisfazione per la scelta di Casarano come sede del Consiglio Regionale di Unitel è stata espressa dall’assessore Stefano che, nel manifestare la disponibilità a supportare le attività di UNITEL Puglia, si è espresso favorevolmente circa un apposito incontro da tenersi tra gli amministratori e l’UTC della Provincia e Unitel Puglia in vista di una fattiva sinergia delle forze operanti nel territorio provinciale. E proprio nell’ottica di favorire la cooperazione delle forze in campo e l’organizzazione efficiente delle risorse operanti nel territorio, è stato confermato l’impegno del Consiglio Regionale di UNitel di procedere in tempi celeri alla costituzione ed insediamento delle Assemblee Provinciali (Lecce, Brindisi, Taranto, Bari, Foggia e Barletta-Andria-Trani). Sono stati molti i punti emersi nel corso della riunione, tra cui la volontà del Consiglio Regionale di costituire una Scuola di Formazione per i Tecnici per gli Enti Locali, con la collaborazione degli attori istituzionali e professionali già presenti nel territorio pugliese e dei partner istituzionali di UNITEL (Il Sole 24 Ore, Maggioli Editore).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!