Gabellone lancia l'allarme Stp

Il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone cerca di convincere la Regione Puglia a rimanere parte attiva dell'azionariato della Stp

Il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, sostenuto da tutti i gruppi politici, ha presentato un ordine del giorno per salvare la Società di Trasporti Pubblici di Terra d'Otranto, conosciuta come Stp, convincendo la Regione Puglia a rimanere parte attiva dell'azionariato. La fuga della Regione dalle partecipazioni azionarie lascerebbe nelle mani di Gabellone l'ennesima patata bollente di questa stagione. La situazione economica della Provincia di Lecce è già abbastanza drammatica anche senza quest'eventualità. Le parole di conforto, di coraggio e di entusiasmo per un futuro migliore della Stp potrebbero non bastare. “Stp, con la cura-Pepe, è finalmente risanata, – dichiara il presidente della Provincia – lo dimostrano i numeri, ora ha solo bisogno di rimettersi in cammino e partire verso un miglioramento qualitativo del servizio e una migliore disposizione delle corse offerte. Per questo è inspiegabile che la Regione si sfili all'improvviso dalla compagine societaria, dopo aver contribuito con la Provincia di Lecce al suo risanamento, lasciando solo alla Provincia stessa l'incombenza di continuare a tenere in vita questo serbatoio enorme di posti di lavoro e questo servizio primario per l'utenza, i giovani e i pendolari del Salento”. Il discorso non fa una piega, ma si sa, in questo momento le difficoltà monetarie delle amministrazioni cominciano a creare scompigli e questo potrebbe esserne un esempio. Il capitale sociale della Regione è pari al 29,17% e Gabellone, nel suo ordine del giorno, non potrebbe essere più chiaro quando afferma che “le gravi difficoltà finanziarie in cui versa la Provincia di Lecce non consentirebbero l’acquisizione delle azioni di proprietà della Regione Puglia”; come dire che i problemi, in questo momento arrivano, un po' da tutte le parti. Al di là dell'importanza del servizio, il senso di responsabilità nei confronti di chi per la Stp ci lavora, dovrebbe essere sufficiente a risolvere la situazione. Staremo a vedere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!