Ciclismo. Il 25° Trofeo Peppino a Rocco Fuggiano

Ancarano. Il ciclista di Grottaglie ha conquistato la gara disputata nella città abruzzese

ANCARANO – È pugliese la vittoria del 25° Trofeo Peppino, disputato nella città abruzzese di Ancarano in un pomeriggio dal caldo torrido. Rocco Fuggiano del GS Grottaglie ha concluso in volata solitaria una gara impegnativa, riservata alla categoria allievi, con oltre 40 ritirati. 77 atleti si sono confrontati su un percorso di 72,5 km, composto da un circuito di 14,5 km da ripetere cinque volte, registrando una media di 35,4 km/h. Dopo diversi tentativi di fuga, tra cui quella di Fuggiano e di altri corridori, partiti alla fine del terzo giro, l’atleta del GS Grottaglie dall’inizio del quarto giro ha staccato i compagni di fuga, concludendo la gara in volata solitaria. A 15 secondi dietro di lui Onesti Emanuele del Bevilacqua Sport Pescara, seguito da Sabatini Emanuela del NO-CE Euro 90. In quarta posizione Milano Matteo del Molise Ricambi. Quinto posto per Ciaffone Dario del NO-CE Euro 90, mentre si è classificato sesto Conte Fabio del Molise Ricambi. A un minuto e 36 secondi dal vincitore, in settima posizione, si è piazzato Genobile Giovanni del Bevilacqua Sport Pescara. Più margine di distacco per Calzola Lorenzo della UC Petrignano, giunto ottavo, seguito da Titi Fabrizio del Koala Racing. A 3 minuti dal primo arrivata, si è classificato decimo Taricone Cesbio del Promo Sport. Ecco la classifica definitiva. 1 Fuggiano Rocco GS Grottaglie 2 Onesti Emanuele Bevilacqua Sport Pescara 3 Sabatini Emanuela NO-CE Euro 90 4 Milano Matteo Molise Ricambi 5 Ciaffone Dario NO-CE Euro 90 6 Conte Fabio Molise Ricambi 7 Genobile Giovanni Bevilacqua Sport Pescara 8 Calzola Lorenzo UC Petrignano 9 Titi Fabrizio del Koala Racing 10 Taricone Cesbio del Promo Sport

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!