Società operaia in festa

Lecce. Le iniziative in programma per il 150° anniversario della Società Operaia

Le manifestazioni celebrative per i 150 anni della Società Operaia hanno preso il via da qualche giorno. Dal 5 all’11 giugno scorsi si è svolta la mostra-concorso dei lavori degli allievi della Scuola “Maccagnani” sul tema “Riscoperta e valorizzazione dei mestieri antichi e tradizionali”, mentre l'altroieri sera, alla sede della Società Operaia, in corso Vittorio Emanuele, è stata inaugurata la mostra storico-documentaria sul percorso storico del tricolore italiano. In vetrina una cinquantina di bandiere che “raccontano” la Storia d’Italia. L’iniziativa si chiuderà il prossimo 23 giugno. Il 21 giugno è previsto lo scoprimento della lastra marmorea dedicata ai soci benemeriti della Società Operaia degli ultimi cinquant’anni. Il 25 giugno, invece, è in programma un convegno su “Disoccupazione giovanile: prospettive per il Mezzogiorno”, un tema di stretta attualità. Diverse le iniziative in programma giovedì 30 giugno: sarà presentata la pubblicazione “Ti racconto come nacque la Società Operaia di Lecce, ci sarà lo scoprimento del pennello evocativo della storia della Società Operaia e, infine, è prevista la premiazione dei vincitori del concorso gli antichi mestieri. Il 2 luglio verrà presentato il volume “ La Società Operaia di Lecce: 150 anni di Storia, realizzato dal presidente della Società, Mario Greco. Domenica 3 luglio è il giorno clou dei festeggiamenti per la celebrazione dei 150° anniversario della fondazione della Società Operaia di Lecce. Si comincia alle 9 con il raduno delle delegazioni di tutte le Società Operai pugliesi e meridionali, quindi è prevista la scopertura della lapide commemorativa, poi, alle 10, una messa in onore dei soci defunti e, infine, un dibattito sul tema “Influenza delle Società Operaie sul processo unitario italiano”. La giornata si chiuderà con il pranzo sociale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!