Càtari e carpe

Parabola mahleriana del santo che parlava ai pesci

L'animale, nella sua impenetrabile ottusità, almeno apparente, risponde alla nostra necessità di uscire dal solipsismo. Per questo san Francesco parlava agli uccelli e sant'Antonio ai pesci. Gesti plateali che la fantasia popolare, legittimata dalla prelatesca burocrazia del numinoso, ha tradotto in miracoli. Ma la fantasia popolare tedesca, vaccinata da dosi massicce di luteranesimo, ha spruzzato di disincantato sarcasmo. In un lied di Gustav Mahler, Antonius von Padua parla e accorrono carpe, lucci, merluzzi, storioni, financo gamberi e tartarughe. Ascoltano, apprezzano, se potessero applaudirebbero, poi se ne tornano tranquilli alla propria tana e al proprio vizio: le anguille alla lussuria, i lucci al latrocinio, i merluzzi alla gola. E il dottore della Chiesa ci fa la figura del prof. Bernardino Lamis di una novella di Pirandello, quello che, un po' miope, dava un'infervorata lectio magistralis a una classe composta solo di cappotti appesi ad asciugare in una giornata di pioggia. La lezione era sull'eresia catara, la stessa che il santo di Padova combatteva in tutto il nord d'Italia e sud della Francia, andandosene provocatoriamente a parlare con i pesci quando gli uomini non l'ascoltavano. L'Inquisizione badava al resto: i catari furono sterminati in pochi decenni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!