Tentata estorsione: “Prepara i soldi, hai una bella famiglia”

San Cesario. Arrestati due incensurati disoccupati che minacciavano un concessionario di automobili. In corso indagini più ampie

All’alba di oggi, i militari della Stazione Carabinieri di San Cesario, unitamente ai colleghi del NORM di Lecce, hanno arrestato due giovani di San Cesario accusati di essere gli autori di una tentata estorsione, perpetrata il mese scorso, in danno del titolare di un concessionario di automobili. I fatti risalgono alla mattina del 24 maggio scorso, quando un imprenditore locale (settore automobilistico) trovava sull’ingresso del suo locale 3 proiettili cal. 9 ed un foglio manoscritto con la seguente scritta: “PREPARA UN PO’ DI SOLDI RIVOLGITI A QUALCHE AMICO PERCHÉ HAI UNA BELLA FAMIGLIA BACI DAGLI AMICI”. Allarmato dall’inusuale ritrovamento, si rivolgeva immediatamente ai Carabinieri di San Cesario denunciando subito il fatto, precisando di non avere in corso alcuna richiesta estorsiva. Da qui sono partite le indagini dei Carabinieri, finalizzate non solo a scoprire gli autori del gesto ma soprattutto a verificare se si potesse trattare di un’espressione tipica di Criminalità Organizzata. Dalle puntuali verifiche fatte, soprattutto fruendo dell’enorme patrimonio informativo e conoscitivo del Comandante della Stazione, i sospetti sono caduti su LIACI Andrea 25enne e ARSENI Emanuele 26enne, incensurati, entrambi del posto e disoccupati, già da tempo oggetto di attenzione info-investigativa da parte dei militari della Stazione. Le numerose frequentazioni e soprattutto l’incontrovertibile riconoscimento dei due malfattori, avvenuto grazie all’individuazione di un filmato di una telecamera della zona – ritraente i due giovani in orario compatibile con quello in cui i proiettili sono stati piazzati sull’uscio del locale commerciale – hanno indotto il PM (dott. Guglielmo Cataldi) a chiedere l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare per tentata estorsione e possesso illegale di munizionamento. Il GIP, concordando a pieno con quanto rappresentato da Procura e Carabinieri, nella giornata di ieri ha emesso il provvedimento, ravvisando una certa gravità del fatto dovuta alla particolarità del messaggio e della ineludibile presenza di armi. Di conseguenza solo il carcere avrebbe evitato ulteriori e più gravi conseguenze potenzialmente attuabili dai due malintenzionati. Tuttavia, nonostante il brillante arresto, le indagini dei Carabinieri proseguono per svelare l’eventuale complicità di altri individui, ovvero di verificare se via sia o meno il coinvolgimento di presenze criminali più qualificate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!