Fotovoltaico. Irregolarità a Galatone, Neviano ed Aradeo

Controlli a tappeto da parte dei carabinieri sugli impianti fotovoltaici di sette Comuni salentini. Che si sono dimostrati non proprio tutti in regola

Impianti fotovoltaici sotto la lente. Ieri i carabinieri della Compagnia di Gallipoli hanno condotto un’ampia operazione finalizzata ad individuare eventuali illeciti in materia di impianti energetici e la corrispondenza degli stessi alla normativa vigente. I Comuni passati al setaccio sono stati Galatone, Copertino, Neviano, Aradeo, Seclì, Galatina e Cutrofiano. Gli impianti controllati sono stati in tutto 16. // Galatone Sono stati sottoposti a controllo tre impianti fotovoltaici, in uno dei quali, esteso per circa 30mila metri quadrati e dalla potenza di circa 1 megawatt, sono state riscontrate diverse difformità rispetto al progetto. Le irregolarità individuate sono di natura tecnica e pertanto giudicate sanabili e riguardano la diversa collocazione delle cabine inverter, la recinzione del campo, la diversa collocazione delle stringhe di pannelli. Tali violazioni sono state comunicate all’autorità comunale per le eventuali valutazioni di competenza. // Neviano Nell’unico impianto controllato, della potenza di circa 1 megawatt, sono state riscontrate difformità al progetto che sono costate la denuncia in stato di libertà per cinque persone, responsabili di aver eseguito interventi edilizi non in linea con le autorizzazioni concesse. Le persone denunciate sono primo proprietario dell’impianto, l’attuale, il committente, il direttore e il responsabile dei lavori. // Aradeo Nel Comune di Aradeo sono stati sottoposti al vaglio dei carabinieri tre impianti in tutto. In uno dei tre sono state individuate difformità relative all’estensione, giudicate sanabili. Gli impianti presenti nei territori dei Comuni di Copertino, Galatina e Cutrofiano si son rivelati regolari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!