Creazione d’impresa al femminile. I corsi di Confcommercio

Lecce. Formazione e occupabilità sono stati i temi del seminario che ha avuto luogo presso la sede di Confcommercio a conclusione dei corsi di formazione

LECCE – Diffondere la cultura d’impresa al femminile e ridurre il divario tra domanda e offerta di lavoro nel settore della distribuzione alimentare da banco: sono solo alcuni degli obiettivi che Cat-Confcommercio Lecce ha voluto raggiungere mediante l’organizzazione di due corsi che si sono svolti nell’arco di cinque mesi presso la sede di Confcommercio e delle aziende partner. “L’idea di realizzare un corso interamente dedicato alle donne occupate o disoccupate, aspiranti imprenditrici nel settore dei pubblici esercizi – ha esordito Enio Paladini, direttore Cofidi e coordinatore del “Percorso integrato per la creazione di impresa femminile nel settore dei Pubblici Esercizi” – è nata principalmente dalla necessità di dare una risposta significativa, in termini di formazione, alle donne che vogliono intraprendere la strada dell’imprenditorialità, in un settore in cui la presenza femminile è sottorappresentata”. Dall’analisi dei dati camerali e dagli studi condotti dal sindacato di categoria Fipe-Confcommercio Lecce (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) è emerso infatti che il settore dei Pubblici esercizi è quello nel quale la donna incontra maggiori difficoltà di inserimento, in particolar modo nel Mezzogiorno. Alla luce di ciò, ha sottolineato Enio Paladini “grazie al percorso formativo proposto è stato possibile fornire alle future imprenditrici tutti gli strumenti necessari per poter concretizzare la propria idea imprenditoriale, dall’analisi delle fasi del processo di creazione d’impresa, all’elaborazione di un vero e proprio business plan, dallo studio delle strategie di marketing per la promozione e commercializzazione di un prodotto o servizio, alla conoscenza delle nozioni giuridiche-legislative in materia di creazione e gestione d’impresa, nonché fisco e previdenza”. L’impegno di CAT-Confcommercio Lecce, tuttavia, non si esaurisce in un’attività di formazione manageriale a sostegno dell’imprenditoria femminile, ma continua mediante un intervento mirato a ridurre il divario tra domanda e offerta di lavoro, e al contempo a migliorare la stabilità occupazionale, così come è stato possibile constatare grazie al “Corso per Salumieri”. “Lo studio dei fabbisogni territoriali – ha affermato Antonio Rizzo, direttore di Confcommercio e coordinatore del corso – ha fatto emergere la richiesta da parte delle imprese di figure professionali, in questo caso salumieri, in possesso di competenze specifiche al fine di un inserimento concreto nel contesto lavorativo”. Durante il percorso formativo gli allievi hanno avuto modo di acquisire le competenze tecniche del settore alimentare grazie alle sessioni di pratica svolte presso le aziende partner. Lo stage finale, inoltre, ha rappresentato per ognuno di loro una concreta opportunità di contatto con la realtà aziendale della grande distribuzione e il mondo del lavoro, nonché la possibilità di un inserimento occupazionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!