Green economy. La Puglia è ultima

La classifica stilata da Fondazione Impresa: Trentino Alto Adige, Basilicata e Friuli Venezia Giulia sono le regioni più green d’Italia. La Puglia è in coda

La Regione Puglia è la meno “verde” d’Italia. Parla chiaro la ricerca redatta dalla Fondazione Impresa di Venezia e resa pubblica nei giorni scorsi: nonostante la Puglia sia una delle Regioni più attive in fatto di energie rinnovabili, e soprattutto nell’eolico e nel fotovoltaico, ciò non basta per accaparrarsi la maglia di Regione virtuosa. La nostra Regione si piazza addirittura all’ultimo posto nella classifica relativa alla green economy. Nell’edizione 2011, Fondazione Impresa ha infatti aggiornato l’Indice di Green Economy, portando gli indicatori da 9 a 21 e suddividendoli alla luce dei principali settori coinvolti nell’economia verde: energia, agricoltura biologica, imprese e prodotti, trasporti, edilizia, rifiuti e turismo sostenibile. L’Indice di Green Economy consente di comporre la fotografia dell’Italia verde e di stilare la classifica delle regioni italiane più orientate alle opportunità di business offerte dalle Green Economy. Dall’analisi emerge che le Regioni più green d’Italia sono Trentino Alto Adige, Basilicata e Friuli Venezia Giulia. Bene classificate anche Umbria, Veneto e Piemonte (rispettivamente 4°, 5°, 6°). In ultima posizione c’è la Puglia, posto numero 20. Poco meglio della nostra Regione fanno Liguria e Lazio. // La raccolta differenziata In particolare le regioni settentrionali hanno registrato le performance migliori nei settori dei rifiuti e dell’edilizia. Lo testimoniano i dati sulla raccolta differenziata: Trentino Alto Adige, Veneto, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia differenziano rispettivamente 56,8%, 52,9%, 48,5%, 46,2%, 42,7%, 42,6% dei rifiuti totali, contro la media italiana di circa 30 punti percentuali. // Agricoltura biologica e turismo sostenibile Le regioni meridionali sono ben piazzate soprattutto negli indicatori che esprimono business prioritari, come agricoltura biologica e turismo sostenibile. La Puglia in questo settore fa benissimo, arrivando terza su 20. Anche rispetto alla diffusione di alloggi agrituristici e B&B le regioni meridionali mostrano i valori migliori, sono tuttavia penalizzate nell’indicatore che esprime la diffusione di piste ciclabili, dove vanno molto meglio regioni come Trentino Alto Adige, Lombardia e Veneto. La classifica complessiva RANK 2011 REGIONI PUNTEGGIO 1 Trentino Alto Adige 0,868 2 Basilicata 0,287 3 Friuli Venezia Giulia 0,186 4 Umbria 0,154 5 Veneto 0,111 6 Piemonte 0,109 7 Emilia Romagna 0,100 8 Toscana 0,080 9 Sardegna 0,046 10 Valle d’Aosta 0,030 11 Calabria 0,027 12 Lombardia 0,006 13 Marche -0,017 ITALIA -0,065 14 Abruzzo -0,069 15 Campania -0,190 16 Molise -0,229 17 Sicilia -0,255 18 Liguria -0,264 19 Lazio -0,335 20 Puglia -0,579

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!