Sandro Quintana polemizza con Cartenì

Premio Barocco: il consigliere Quintana dell'UDC spiega perchè non ci sarà alla conferenza stampa

Con questa nota tengo a precisare in maniera limpida e chiara che la mia non partecipazione alla conferenza stampa sul Premio Barocco indetta oggi al Sirenè è dettata da alcuni principi sui quali non transigo.Se da un lato sono contento poichè finalmente l'Onorevole Barba è tornato sui suoi passi definendo il Premio un punto di riferimento per la cità di Gallipoli e per il Salento tutto dall'altro devo chiarire alcune circostanze in merito a delle dichiarazioni sconcertanti fatte in questa conferenza.La mia posizione sulla valenza del Premio Barocco a Gallipoli è stata sempre lineare e corretta..Mi sono sempre battuto,anche con lo stesso Onorevole che ora si è rinsavito,affinchè il Premio avesse la sua naturale collocazione nella cittadina dove è nato..Ho dato supporto logistico mettendo a disposizione i miei ristoranti al servizio degli addetti ai lavori, e speso in ogni senso affinchè il Premio Barocco avesse la sua dignità già bistrattata più volte… Il fatto che assolutamente non accetto è la strumentalizzazione portata dal Cartenì e da Barba in una conferenza stampa deplorevole dove si è parlato del Premio un minuto e per ben 60 minuti di contrapposizioni politiche,offese e tentativi maldestri di destabilizzare l'amministrazione attuale…Il sottoscritto non si è mai prestato ad essere il tramite di uno scontro politico che tutto apporta tranne il bene di questa città…Ho dato una mano al Sig.Cartenì poichè trovasse un modo per reperire quelle somme che servono per far fronte alla manifestazione in corso…ma tra il dare una mano e l'interpretazione data a questa conferenza stampa c'è una netta differenza… Mai e poi mai il sottoscritto ha barattato i suoi amministratori vincolandoli alla riuscita della Kermesse…Reputo il Vicesindaco Dott.Francesco Errico,i consiglieri Caiffa e Padovano persone intelligenti e preparate e non animali da portare al guinzaglio dove porta il vento…ho una dignità e la schiena dritta…sono il rappresentante dell'UDC sul territorio e sono abituato a dare dignità e libertà decisionale ai membri che attualmente ne fanno parte…Capisco le difficoltà del Sig.Cartenì ma non accetto nè da lui nè dall'Onorevole Barba lezioni di morale e di linearità…Il mio senso civico e il mio dovere morale verso il Premio Barocco non cambierà mai…serve e da visibilità allla città,ma è cosa diversa e da incompententi dare spazio a delle contrapposizioni politiche,a delle beghe personali sfruttandolo e riducendolo ad arma politica…Così si svuota il vero significato di questo evento.Ringrazio l'onorevole Barba per lo sforzo profuso e che si è assunto le responsabilità in prima persona…ma le Amministrazioni non cadono nè per la mancanza dei 700000,00 nè per prendere la palla al volo per cercare di destabilizzare l'ambiente politico.Nobile gesto il suo, macchiato però da una mera e visibile lotta politica che ha un unico scopo e cioè quello di mandare Venneri a casa…e da qui si evince in modo inequivocabile che si fa di tutto,persino il patto col Diavolo,pur di abbattere un amministrazione che in realtà si è liberata tempo fa da una palla al piede pesantissima…Certo adesso il Premio sarà ancora più appetibile visto che sicuramente i poltici del PDL che erano spariti dalla citta di Gallipoli appena Barba perse il potere torneranno in pompa magna nella città prima dimenticata,poichè nessuno li chiamerà a fare marcia indietro per non dare visibiltà alcuna all'Amministrazione attuale…questo è quanto dovevo dire e quanto dovuto nel rispetto della trasparenza e lealtà che sempre mi ha contraddistinto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!