Lavori domestici. Un protocollo Regione-Inail per la sicurezza

Bari. Regione Puglia ed Inail collaboreranno alla realizzazione di un percorso formativo su prevenzione e sicurezza rivolto agli assistenti domiciliari

BARI – La Regione Puglia e l’Inail collaboreranno alla realizzazione di una specifica attività formativa in tema di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro domestici. Beneficiari del percorso formativo saranno gli assistenti familiari iscritti al progetto regionale R.O.S.A. (“Rete per l’Occupazione e i Servizi di Assistenza”). Sono questi i termini del protocollo d’intesa sottoscritto ieri dall’assessora al Welfare, Elena Gentile e dal direttore regionale Inail, Mario Longo, che costituisce un importante intervento regionale per l’emersione del lavoro di cura domiciliare e la qualificazione di assistenti familiari iscritti in appositi elenchi provinciali. Il progetto R.O.S.A., attivo da due anni sta dando nuova forma al sistema di governo del mercato del lavoro di cura domiciliare, offrendo, da un lato, un sostegno economico concreto alle famiglie pugliesi; dall’altro, l’opportunità di un’occupazione regolare e qualificata a chi è interessato a lavorare come assistente familiare. L’attività formativa curata dall’Inail ha l’obiettivo di fornire strumenti conoscitivi nel campo della salute e della sicurezza per prevenire i pericoli fonte di incidenti in ambito domestico, i rischi di danno ad essi associabili e le modalità di accadimento. Il modulo formativo curato da Inail è inserito all’interno del più ampio percorso di formazione già progettato dalla Regione per l’acquisizione del profilo professionale di “assistente familiare del progetto R.O.S.A.”. Articoli correlati: Il rosa batte il nero Progetto Rosa: il bando

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!