Santi Dimitri. Il primo Merlot Igt del Salento

Galatina. Oggi la presentazione presso la cantina Santi Dimitri. Il vino prendere il nome dal merlo, uccello che predilige il tipo particolare di uva da cui è realizzato

GALATINA – Nella sala delle Mappe della cantina Santi Dimitri sarà presentato stamattina (a partire dalle ore 11) il nuovo Merlot in purezza. La conferenza sarà moderata da Marcello Favale, giornalista Rai. Si tratta del primo Merlot Igt salentino. Un primato che, per la Santi Dimitri, si aggiunge ad altri primati. L'enologo Giuseppe Pizzolante Leuzzi è stato infatti anche il primo enologo a vinificare, anni or sono, il Negroamaro in bianco. Nato dalle uve di un vitigno antico, il Merlot è reso ancora più particolare dal territorio dove è coltivato. Innovativa la tecnica di vinificazione che da una vendemmia 2010 consente già di gustare un vino fresco, giovane che piace sopratutto ai giovani, in base anche alle prime degustazioni avute al Vinitaly. Il nome è lo stesso del vitigno che a sua volta deriva dal merlo, uccello che predilige proprio questa particolare uva. È un vino che ha in sé una spiccata morbidezza e non necessita di un lungo affinamento. Innovative le tecniche di vinificazione usate, che consentono di poter gustare già subito la vendemmia 2010. Il vino si presenta con un colore rosso rubino cupo. Intenso, equilibrato ed elegante, con tannini dolci e fini. I caratteristici sentori erbacei e vegetali, gli conferiscono una completezza olfatto-gustativa. Si avvertono all'olfatto anche sentori floreali e soprattutto fruttati, componenti aromatiche che ne fanno un vino di prestigio. Sentori di macchia mediterranea, ma anche di bacche di sottobosco, ribes nero, marasca, mirtillo, susina, visciole, confettura di amarene che si fondono con quelli di fiori secchi e di fichi secchi, di pepe nero. Mirto e rosmarino completano la componente aromatica del vino. Dopo la conferenza, segue un lunch per degustare il nuovo vino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!