Teleradiologia. Ovvero Radiologia h24

La teleradiologia permette la diagnosi radiologica su immagini provenienti da sedi distanti, tramite connessioni a banda larga via internet. Una struttura che utilizzi la teleradiologia? Il Centro Calabrese di Cavallino

In una Puglia che va veloce, niente di più semplice che applicare la più avanzata tecnologia anche alla sanità. Nasce così la Teleradiologia, ovvero un'offerta assistenziale a tutto tondo che garantisca al paziente la consulenza e il completamento dell'iter diagnostico radiologico, anche a distanza, nei casi urgenti che si possono verificare in assenza dello specialista radiologo in sito. Il tutto finalizzato ad un uso razionalizzato delle risorse umane e tecnologiche già presenti nei vari Centri coinvolti. In sintesi, la teleradiologia è la trasmissione delle immagini e dei dati ad esse associati al fine di permettere la formulazione più rapida ed accurata della diagnosi e la decisione più tempestiva e mirata delle strategie terapeutiche. Consente una consulenza a distanza tra medici da due siti comunicanti per via telefonica o su reti informatiche più o meno dedicate. La teleradiologia permette dunque la telediagnosi, ovvero la diagnosi radiologica effettuata su immagini provenienti da sedi distanti, basandosi sull’impiego di tecnologie informatiche che impiegano connessioni a banda larga via internet con disponibilità costante, 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno. Grazie a queste ultime, le immagini per le quali è richiesta una consulenza, possono viaggiare da una postazione connessa ad internet ad un’ altra, realizzando in tal modo una presenza “virtuale” del consulente radiologo. Questo sistema informatizzato, oltre a ridurre i tempi di completamento delle indagini radiologiche, permette anche di far fronte alla contingente carenza di organico di medici specialisti radiologi nei presidi ospedalieri periferici, nelle more dell'assunzione di altri dirigenti medici radiologi per i presidi ospedalieri. Un esempio di eccellenza di struttura sanitaria che utilizzi del sistema di Radiologia è, nel Salento, il Centro Calabrese di Cavallino. Qui la procedura di telediagnosi si applica per tutte quelle urgenze cliniche indifferibili che si presentano al di fuori della fascia oraria, ordinariamente presidiata dal medico radiologo, od in caso di assenza imprevedibile dello stesso, al fine di garantire la massima tutela dei pazienti ricoverati e degli utenti che accedono al Pronto Soccorso (teleconsulto prima della esecuzione dell'indagine radiologica al fine della giustificazione e dell'informativa, in ottemperanza al DLG 187/00) e la consulenza e la telediagnosi del medico radiologo e neuroradiologo ai colleghi del Pronto Soccorso e dei Reparti dei presidi ospedalieri periferici. In tal modo il Centro Calabrese permette, anche alle strutture più periferiche, di essere affiancate nel lavoro quotidiano da un gruppo di professionisti di provata esperienza per risolvere casi particolari, o avere la disponibilità di un radiologo per i casi di emergenza in ogni istante. Adottando queste tecnologie è disponibile un nuovo stile di servizio in ambito sanitario, facendo affidamento su risposte immediate di qualificati “teleradiologi”, per prendere decisioni tempestive che potrebbero essere determinanti nel trattamento terapeutico immediato. Articoli correlati: Pet Calabrese. Via libera dalla Regione Scoditti a Striscia: 'Non ho denaro per la Pet' Tac-Pet e viaggi della speranza: ‘Io ci sono passata'

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!