Quattro aspiranti alla poltrona

CAPRARICA. La situazione elettorale targata 2011, dopo due mandati del sindaco uscente, è piuttosto ingarbugliata

CAPRARICA – Ben quattro candidati, con altrettante liste, per Caprarica, che vive una situazione politica ingarbugliata. Un sindaco, dopo due mandati, esce di scena – Massimo Greco – mentre la sua sfidante nel 2006 si ricandida, senza il sostegno dei suoi vecchi alleati. Maria Fedela Vantaggiato, sessantenne ex professoressa di lingue e sorella di Ruggero – figura storica del centrodestra leccese – è infatti a capo di una civica trasversale, “Facciamo Centro”, che riunisce centrodestra, Pd e IoSud. Due candidati sindaco, Raffaele Candelieri (sostenuto dalla lista “L’alternativa”) e Vincenzo Perrone, sono rispettivamente vicesindaco ed ex assessore all’ambiente della giunta Greco, segno che la squadra del sindaco uscente non brilli oggi per concordia e unione. I sostenitori della Vantaggiato nel 2006 hanno dirottato il loro appoggio verso il candidato Antonio Greco, 56 anni, sposato e con due figli, innamorato deluso del centrodestra, consigliere comunale dal ‘97 al 2001. Lo sostiene la lista “Rinnovamento Democratico”. Il candidato Vincenzo Perrone, avvocato, guida la lista “Programma Comune per Caprarica”. Per lui fiori d’arancio alla vigilia elettorale, il 14 maggio. E’appoggiato da una lista civica trasversale anche Raffaele Candelieri, 58 anni, infermiere caposala al Vito Fazzi, sposato, padre di 4 figli e nonno di due nipotini. Sostenuto da alcuni membri del centrosinistra, ha dalla sua anche tre consiglieri della minoranza di centrodestra. Occupazione, casa e mancanza di luoghi di ritrovo sono al centro di questo aspro confronto, destinato probabilmente, a meno di plebisciti inattesi, a incoronare un sindaco con una manciata di voti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!