Un’antenna di troppo

Lecce. Nel quartiere Rudiae-Ferrovia non è possibile effettuare l’elettrocardiogramma. Colpa di un’antenna che interferisce con i campi elettromagnetici. E questo non è l’unico effetto sulla vita dei cittadini

LECCE – La presenza di un’antenna in via Taranto non può essere tollerata ancora a lungo. Per via dei campi elettromagnetici che essa genera, infatti, la vita dei residenti nella zona non è più la stessa. Numerose sono ogni giorno le segnalazioni da parte dei cittadini che lamentano di non poter svolgere determinate e comuni attività perché il traliccio causa interferenze elettromagnetiche sugli apparecchi elettronici. Addirittura nel quartiere Rudiae-Ferrovia, non è possibile effettuare un esame diagnostico vitale come l’elettrocardiogramma. Non è difficile credere come i cittadini siano spaventati da questa presenza, anche perché non hanno certezza che essa non sia pericolosa per la salute. Nei giorni scorsi, su segnalazione del consigliere di quartiere Leo Ciccardi, il deputato salentino Ugo Lisi si è recato di persona a verificare i problemi lamentati dalla popolazione. Al termine della sua visita, Lisi ha promesso che presenterà un’interrogazione urgente al ministero dell’Ambiente e al ministero delle Telecomunicazioni per portarli a conoscenza della questione e sollecitare interventi risolutivi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!