‘Il Mercante di Sogni Show’

GUARDA I VIDEO. Lecce. Il “Kolossal” di “Arte Insolita e Visionaria”, scritto e diretto da Dores Sacquegna, sino al 18 maggio

LECCE – Ciak si gira. E “Primo Piano LivinGallery” diventa un set. lI Ciak della mostra d’arte insolita e visionaria “Il Mercante di Sogni Show”, che omaggia il mondo dell’immaginario collettivo, il cinema e William Shakespeare, come dice Dores Sacquegna, della LivinGallery. La mostra, unica nel suo genere, vede protagonisti “Camei”, “Mutanti”, “Superstar” e “Sognatori”, romanticamente uniti dalla regia e dalla cura di Dores Sacquegna. Proprio come accade nel mondo del cinema, la curatrice ha effettuato un “casting” diverso per ogni tempo cinematografico con la domanda :“Ho sognato te. Vuoi essere il mio sognatore?”, selezionando artisti, scenografi, registi e performer. E ha dato il via al secondo tempo, come ultimo atto della mostra. La galleria è il set, allestita con gli “oggetti di culto”, cioè, le opere d’arte di tutti gli artisti coinvolti. E così fanno le loro seconde apparizioni solo le “Superstae” (Matthew Barney, Erwin Olaf, Ugo Nespolo, Eugenio Recuenco), mentre in prima serata compare il “Mutante” (Massimiliano Manieri), i nuovi “Camei” (Sarah Ciracì, Edoardo Winspeare, Barbara De Matteis) e il nuovo cast di “Sognatori” (Massimo Attardi, Earl Black, Elinore Bucholtz, Luigi Caiffa, Kirsten Cochran, Costantino Di Rienzo, Marcella Fusco, Marthe Keller, Henrik Kroner, Lydia Hoffnungsthal, Takatomo Homma, Anneke Ingwersen, Gabriela Morawetz, Jean Peterson, Vito Sardano, Kumiko Tamura, Shin-Yi Wang). La performance “Il ladro di universi” interpretata da Massimiliano Manieri, artista leccese, “in quel suo cauto accedere dal buio alla luce. Dal nero e bianco, nel male e nel bene. Una pièce sugli opposti”. Ecco le interviste di Dores Sacquegna all’artista tarantina Sarah Ciracì, al regista Edoardo Winspeare (ricordiamo tra i suoi film ‘Sangue vivo’, ‘Galantuomini’, la regia del cortometraggio di Louis Vuitton), all’attrice leccese Barbara De Matteis (la ricordiamo, ultimamente, nel film “Mine Vaganti” di Ozpetek e protagonista principale del cortometraggio di Louis Vuitton). Il visitatore è guidato attraverso uno straordinario sogno, protagonista di un best seller visionario. Dalla notte babilonese di “Babylon Circus” di Eugenio Recuenco” a “Cremaster 4” di Matthew Barney, da “Dusk & Dawn” di Erwin Olaf alle “Gote in fiamme” di Ugo Nespolo, i video in mostra delle “Superstar”. Dal profetico video “2012” di Sarah Ciracì, tra piattaforme, varchi, e flussi energetici al “Sangue vivo” di Edoardo Winspeare, e al corto per la casa di moda Louis Vuitton con “Les noches de papier / Il primo anniversario”, interpretato dall’attrice salentina Barbara De Matteis per i “Camei”. I “Sognatori” le cui opere sono in bilico tra Super-Realtà e “Second Life”, sono: Vito Sardano con il satellite alieno “To Overshoot S4Z”, costruito su Marte, per far fronte all’invasione mediatica. Costantino Di Rienzo con “in attesa di giudizio”, dove entra in gioco la critica. Tra orizzonti virtuali e immediatamente spendibili, le opere di Earl Black e le fanciulle-dee di Massimo Attardi. Con Gabriela Morawetz, si sperimenta la pietas di corpi nudi distesi, come sculture di vetro tra bolle e parole cucite. E nella cinetica installazione di uno spazio che si divide e si dilata, si accede nel mondo delle ombre con Anneke Ingwersen. Un tuffo nel mito delle divinità perdute con Marcella Fusco, per abbandonarsi all’eterno ritorno e per ritrovare la forza rivelatrice del senso che si è perso nei supermercati del sapere che altri mercanti offrono. Nelle somiglianze che scoprono differenze, le opere di Lydia Hoffnungsthal. Verso l’onnivora insaziabilità che porta al deserto con Kimiko Tamura. Il demone del potere dell’arte che volge al tramonto con il “Ratto di Ganimede” di Luigi Caiffa. Con Jean Peterson, si accende una luce. È l’incontro tra l’essere umano e il cielo astrale. Città invisibili con Henrik Kroner, poeti evocati con Elinore Bucholtz e Takatomo Homma. Nel carisma della seduzione, nel fascino intellettuale delle arti visive, l’“Alice” di Shin-Yi Wang, si diverte con la sua antagonista in carne ed ossa e Marthe Keller spedisce “letterine notturne” a tutti gli astanti. Visite: lunedì – venerdì:10,00/13,00 – 17,00/19:30; sabato: 17-20 Set: Primo PianoLivinGallery Viale G. Marconi 4 Lecce, Italy 73100 tel/fax: 0832.30 40 14 www.primopianogallery.com

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!