Rally. Buon esordio per Giuseppe Albano

San Marino. Il pilota della scuderia automobilistica casaranese, al 1° “Rally Racing Dreams” centra il secondo posto di gruppo

Decisamente buono l’esito della trasferta sammarinese per Giuseppe Albano, pilota portacolori della Scuderia Automobilistica “Casarano Rally Team” tornato a correre nel fine settimana appena trascorso e dopo 7 mesi di stop nel 1° “Rally Racing Dreams”. Il driver casaranese che ha diviso per l’occasione l’abitacolo della Renault New Clio Sport R3C con Francesco Marotta, ha chiuso la competizione cogliendo un ottimo secondo posto di gruppo R e conquistando una più che soddisfacente tredicesima piazza assoluta. Un risultato ottenuto dopo un inizio di gara prudente, una parte centrale in crescendo con un buon ritmo che gli ha permesso di scalare diverse posizioni in classifica ed un finale corso al di sotto delle sue reali possibilità per via di un problema di tenuta dei pneumatici. Senza commettere alcun errore di guida, cosa non facile in una gara che nascondeva numerose insidie, Albano e Marotta hanno trovato sin da subito un buon feeling con la “tuttoavanti” francese sulla quale sono saliti per la seconda volta a distanza di un anno, realizzando ottimi parziali dietro all’imprendibile Simone Brusori e allo sfortunato Alex De Angelis, il centauro sammarinese protagonista del Motomondiale, classe Moto2 con il Team Jir TSR-MotoBi. Degni di nota l’undicesimo tempo assoluto siglato sul primo passaggio della breve “Chiesanuova” e il dodicesimo “score” colto sulla 3a ripetizione della stessa prova, durante la quale il duo salentino è riuscito a limitare il gap da Colombini, vincitore assoluto della gara, scendendo sotto la soglia dei 18 secondi di distacco. A lungo dodicesimo assoluto l’equipaggio Casarano Rally Team ha dovuto cedere nel finale una posizione a seguito di una crisi di gomme. “L’obiettivo di puntare ad un buon risultato, visti gli avversari è stato raggiunto – commenta soddisfatto Albano appena conclusa la gara – senza alcuni inconvenienti credo che avremmo potuto fare ancora meglio; in avvio la macchina scivolava molto ed era complicato tenerla sotto controllo per questo abbiamo preferito evitare di commettere qualche errore iniziando in maniera cauta; una volta perfezionato l’assetto siamo riusciti a recuperare abbassando i tempi, proseguendo con un andatura costante ma senza mai esagerare. Purtroppo sul finire abbiamo dovuto rallentare, le gomme erano ormai completamente andate”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment