Banalità

Stupide canzoni d'amore e di pace

“Più sono stupide e più sono vere”, fa dire François Truffaut a un suo personaggio, a proposito delle canzoni d'amore. Non mi lasciare, senza di te sono una casa vuota… dicono cose così. La banalità in musica ha un suo fascino perverso e ipnotico. Quando sfiora sentimenti primari, sa arrivare allo stomaco. Succede anche alle canzoni di pace, che un bel sito italiano raccoglie dalla notte in cui gli aerei americani iniziarono a bombardare l'Iraq. Dicono basta alla guerra, dicono immagina un mondo in cui tutti vivono come fratelli. Melassa simpatica per il terzo scimpanzè. I Violent Femmes non avevano un nome pacifico, ma in una sorta di gospel punk intitolato “No Killing” cantavano: Signore, non vogliamo più assassinii; non voglio veder morire mio fratello, non voglio veder piangere mia sorella… Lo so che c'è il Bene e c'è il Male e che questo a volte è mascherato da Bene. Ma so che c'è un mondo che muore di fame d'amore. Il fatto è che non sempre ciò che prende lo stomaco arriva poi alla testa. E infatti si può ascoltare la musica di pace, credere in un dio qualunque e andare a sparare. Dedicato a Vittorio Arrigoni.

Articoli correlati

Leave a Comment