Sguardi e emozioni. Gli ‘scatti’ di Lisetta Carmi

GUARDA I VIDEO. Lecce. Al Cineporto, presso le Officine Knos la mostra fotografica dell’artista sino al 13 maggio

LECCE – Da non perdere. Emozioni, sguardi e sensazioni fermati dall’obiettivo di Lisetta Carmi. “Alla ricerca della verità”, la mostra è curata da Giovanna Ghiti, che cura anche il catalogo a corredo. Genovese, la sua famiglia ebrea ben inserita nella borghesia genovese, negli anni del fascismo subisce le persecuzioni. “Non è solo il mondo culturale a essere osservato dalla sua macchina fotografica, vuole conoscere la città nelle sue contraddizioni più profonde e più nascoste così, autonomamente o per commissione pubblica, va a fotografare iI porto, lo scarico dei fosfati, il molo dei vini, le imbarcazioni all’attracco, all’Anagrafe le persone davanti e dietro gli sportelli, gli impiegati e il pubblico, ritrae la gente per strada, nelle feste religiose” scrive nell’introduzione al catalogo Giovanna Ghiti. Una grande donna, una grande artista, che con il suo obiettivo “dà voce a chi non ce l’ha” come Lisetta Carmi dice in conferenza stampa di presentazione della mostra. E poi l’incontro con il regista Daniele Segre dice “l’incontro con Lisetta è stato un incontro importante della mia vita, avevo apprezzato molto il suo lavoro di fotografa e in particolare le fotografie dei travestiti e quelle di Ezra Pound”; da quell’incontro nasce il desiderio del regista di fare un lavoro sull’opera e la persona di Lisetta Carmi. Ed ecco il film “Lisetta Carmi un’anima in cammino”. La Carmi poi decide di trasferirsi in Puglia, a Cisternino, dove vive tutt’ora. La prima volta scende con l’etnomusicologo Leo Levi, e con l’amore per la fotografia. Tornerà anni dopo seguendo Babaji Hairakhan Baba “per una scoperta ben più importante, quella di se stessa e dell’equilibrio tra sé, la sua arte e il mondo” come dice Luigi De Luca vicepresidente di Apulia Film Commission. Un grazie all’artista di Silvio Maselli, direttore Film Commission.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment