Maxi villa in una maxi campagna. Abusiva

Ugento. Il permesso di costruire era relativo ad un immobile non superiore a 50 metri quadrati; ma i finanzieri hanno verificato che la costruzione si estendeva per ben 400 metri

UGENTO – Una villa abusiva di circa 400 metri quadrati in costruzione nel bel mezzo di un appezzamento agricolo di circa 5.000 metri quadri, destinato alla coltivazione di olivi. E’ stata la scoperta dei finanzieri della Tenenza di Casarano nel corso di un controllo nel territorio di Ugento. I successivi approfondimenti eseguiti dai Finanzieri presso l’Ufficio Tecnico del Comune hanno permesso di appurare che per lo stesso fabbricato era stato rilasciato un permesso di costruire del tutto difforme dal progetto iniziale presentato dal proprietario. Il progetto presentato originariamente, infatti, avrebbe consentito al massimo la realizzazione di un immobile di poco superiore ai 50 metri quadri, ben al di sotto dei 400 metri quadrati effettivamente realizzati. L’imponente costruzione abusiva, del valore commerciale di circa 300mila euro, completamente immersa nel verde, è ancora da ultimare, priva di intonaci interni ed esterni, impianti tecnologici e pavimentazione. L’intero fabbricato è stato sottoposto a sequestro ed il proprietario, un 56enne del posto, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Lecce per violazione delle norme in materia edilizia. L’episodio è del tutto analogo a quanto accaduto a Casarano. Lì i finanzieri hanno sottoposto a sequestro un porticato di circa 50 metri quadri, realizzato senza alcuna autorizzazione, e deferito all’autorità giudiziaria una 58enne del posto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment