Premio 'Aldo Fabris' alla Provincia di Lecce

Bari. Assegnato all'Ente il riconoscimento per la formazione e la valorizzazione del capitale umano

La Provincia di Lecce ha ricevuto oggi, a Bari, nell’aula magna dell’Università, la menzione speciale nell’ambito del Premio “Aldo Fabris”, Premio italiano per la formazione e valorizzazione del capitale umano, giunto alla VIII edizione. A comunicarlo all’Ente di Palazzo dei Celestini, il presidente del Premio, Francesco Zaccaro. La rassegna ogni anno individua e premia Università, scuole, aziende, pubbliche amministrazioni e persone che abbiano ideato e realizzato progetti formativi che si siano contraddistinti per i risultati di apprendimento ottenuti a livello individuale, di team e organizzativi, superando disfunzioni e disagi a diversi livelli, attraverso la promozione della crescita e dello sviluppo delle persone e delle comunità di lavoro. La Provincia aveva candidato il progetto “Moduli Formativi Outdoor”, sviluppato nell’ambito dei progetti comunitari “Next”, “Esprit” e “Oltre”. L’obiettivo è l’innovazione e la qualità dei sistemi di istruzione e formazione, per favorire l’acquisizione delle competenze in grado di facilitare lo sviluppo personale e l’inserimento al lavoro. In particolare, il progetto si basa sui risultati di un intervento sperimentale condotto a livello europeo, nel quadro dei tre progetti “Next – New Experiences in Training” (Leonardo da Vinci 2000 – 2006, Progetti Pilota), “Esprit – Experiential Supporting Programmes for Innovation in Training” (Leonardo da Vinci 2007 – 2013 Trasferimento di Innovazione) e “Oltre- Outdoor Learning Teachears’ Experiences” (Leonardo da Vinci 2007 -2013 – Mobilità Vetpro) e aventi come oggetto la sperimentazione e il trasferimento di una metodologia didattica e formativa esperienziale, basata in particolare sull’outdoor education. L’intervento dei tre progetti europei è stato attuato su un gruppo ristretto di docenti e formatori, con l’obiettivo di verificare l’impatto, le potenzialità e la sostenibilità dell’integrazione di metodologie esperienziali all’interno dei tradizionali sistemi formativi. A conclusione dei progetti europei Next ed Esprit la Provincia di Lecce, gli Istituti scolastici coinvolti e l’Enaip Puglia hanno sottoscritto un Patto Formativo Locale. I 40 docenti formati hanno sperimentato la metodologia, basata in particolare sull’Outdoor Education, negli Istituti di appartenenza, anche attraverso la realizzazione di nuovi progetti finanziati con fondi Pon, Pot e Pof; hanno pubblicato un “Quaderno operativo per Docenti e Formatori” e, successivamente, si sono costituiti in Associazione “EducO Educational Outdoor”, per dare continuità alle attività di diffusione e trasferimento della metodologia sul territorio. In considerazione dell’interesse riscontrato nei confronti della metodologia didattica innovativa, basata sull’Outdoor Education, la Provincia di Lecce ha ritenuto importante darle continuità, coinvolgendo ulteriori Istituti di ogni ordine e grado del territorio ed ha finanziato il progetto “Moduli Formativi Outdoor”, destinato ad ulteriori 160 docenti. “La Provincia di Lecce e l’associazione “EducO” hanno candidato il progetto “Moduli Formativi Outdoor” al “Premio Fabris”, guadagnando questa menzione speciale”, dichiara con soddisfazione il presidente Antonio Gabellone, “proprio con la finalità di promuovere un esempio di buone pratiche nell’innovazione della formazione e nello sviluppo delle risorse umane che siamo riusciti a realizzare sul territorio salentino. Questo è stato possibile anche grazie all’impegno di tanti formatori e docenti che hanno animato le scuole del Salento, condividendo gli obiettivi che ci siamo prefissati con tale progetto, tra i quali il sostegno al processo di integrazione europea del sistema di istruzione e formazione del nostro territorio”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment