Pd: 'insufficiente l'azione di governo'

Casarano. Riflessione del gruppo consiliare del Partito Democratico sulla fine dell'esperienza amministrativa della Giunta De Masi

Il Governo De Masi non c'è più. I componenti del gruppo consiliare del Pd hanno protocollato le dimissioni che, insieme a quelle di altri due consiglieri di maggioranza, hanno determinato la fine dell'esperienza amministrativa iniziata con le elezioni del giugno 2009. “E' stata una decisione sofferta e travagliata – recita una nota del gruppo consiliare del Pd – giunta solo dopo aver esperito tutti i tentativi affinchè il sindaco avviasse un ripensamento profondo dell'azione di governo cittadino sin qui svolta. Tale azione si è dimostrata fortemente inadeguata a portare avanti il progetto ambizioso di rilancio dello sviluppo economico e produttivo, il progetto di trasformazione urbana di cui la città ha bisogno, che aveva le sue radici nell'azione di governo degli anni precedenti. Abbiamo sperato che il sindaco recepisse la nostra proposta di creare le condizioni per un confronto sul presente e sul futuro della nostra città, tra tutte le forze della coalizione che lo hanno sostenuto nella sua elezione e nella sua attività amministrativa, per impedire il fallimento del governo cittadino. Abbiamo trovato, invece, un muro di chiusura e di incomprensione, incapace di capire che la città rischiava di agonizzare per un progressivo sfilacciamento dei rapporti tra le forze della coalizione e per la perdita di una visione strategica della città a cui ancorare l'azione amministrativa. Resta in noi l'amarezza per quello che questa amministrazione avrebbe dovuto e potuto fare, se avesse avuto la capacità di non nascondere dietro gli slogan forvianti del finto rinnovamento politico e generazionale, le pratiche più deteriori di una politica vecchia e pericolosamente opaca”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment