'Il centrodestra si occupi delle marine'

Nardò. Lo chiedono “Nuovocorso” e “La Città” che hanno promosso un incontro sulla questione dell’erosione a Santa Maria al Bagno

“Nuovocorso per Nardò” e “La Città” hanno promosso un incontro, svoltosi con il responsabile del settore Lavori Pubblici comunale sulla questione dell’erosione a Santa Maria al Bagno. E’ stata concordata l’immediata attivazione di contatti con gli enti interessati, tra cui la Capitaneria di Porto, attraverso cui definire la realizzazione di possibili opere di mitigazione delle mareggiate che stanno via via erodendo i costoni rocciosi delle aree prospicienti la piazzetta di Santa Maria al Bagno e che hanno già provocato crolli importanti, quale quello del novembre scorso. “Nuovocorso per Nardò” e “La Città” intendono, inoltre, farsi promotori all’interno della coalizione di centrodestra che sostiene Antonella Bruno, di alcune proposte in merito alle marine che possano trovare concreta attuazione nell’auspicata azione di governo. Tra queste rientra quella dell’istituzione di un delegato alle marine, vista la peculiarità delle stesse rispetto al restante territorio comunale e l’individuazione di un’area idonea alla realizzazione di un porto turistico, da realizzare in maniera ecosostenibile e adottando le tecniche di minor impatto ambientale, attraverso il quale si possano incrementare i flussi turistici. In questo senso si ritiene assolutamente indispensabile la redazione di un piano di marketing territoriale serio ed incisivo mediante il quale pianificare le attività di promozione territoriale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment