'Polo del Salento'. Tra natura e turismo

Si tratta di una delle “Reti interregionali di offerta” nell'ambito di un programma operativo che coinvolge Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e che mira a valorizzare le risorse del territorio

Testimonianze storiche del barocco leccese, circuito dei castelli e delle fortificazioni, forza delle tradizioni popolari, rete dei porti turistici, elevata ricchezza di habitat, siti naturalistici, turismo balneare. E' tutto quanto fa e propone il “Polo del Salento”, una delle “Reti interregionali di offerta” nell'ambito del Programma Operativo Interregionale (P.O.In) denominato “Attrattori culturali, naturali e turismo”. Il programma mira a determinare le condizioni per aumentare l’attrattività territoriale e creare opportunità di crescita e occupazione nelle Regioni dell’”Obiettivo Convergenza” (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), attraverso la valorizzazione delle risorse culturali, naturali e il pieno sviluppo delle potenzialità turistiche, con la costutizione delle Reti . Tra quelle individuate dal Comitato Tecnico Congiunto delle Regioni, il “Polo Salento” fa parte (in via principale) della rete “Viaggio tra le identità culturali, le arti e le tradizioni popolari”, e, in via complementare, della rete “Grand Tour: sulle orme delle civiltà antiche del Mediterraneo”. Con deliberazione dell'8 marzo 2011, la Regione Puglia, identificata, tra l'altro, quale organismo intermedio responsabile delle funzioni di programmazione, di attuazione e di gestione delle operazioni inerenti la Rete interregionale, ha preso ufficialmente atto del Piano programmatico del “Polo Salento” e ha dato mandato al Responsabile della Struttura di progetto “SP gestione tecnica, procedurale, finanziaria e progettuale POIn PAIn” di porre in essere tutte le iniziative ed attività per rendere operativi i contenuti del Piano, nell’ambito dei processi di governance del programma, con riguardo alle procedure partenariali da realizzare nei territori dei Poli, nonché in relazione alle procedure interne all’amministrazione regionale. La descrizione del “Polo del Salento” è qui (Bollettino n° 45 pubblicato il 29-03-2011, a partire da pag. 8670)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment