Carcasse di animali in discarica a cielo aperto

Individuata, sul retro della struttura di un'azienda agricola, un'area adibita alla raccolta di reflui zootecnici d’allevamento e di letame

Sequestrato un’area adibita a discarica a cielo aperto nei pressi di un’azienda di allevamento della provincia. Dopo un preliminare sopralluogo dell’azienda agricola, i militari della finanza di Lecce, hanno individuato sul retro della struttura, una discarica abusiva di circa 100 metri quadri, adibita alla raccolta dei reflui zootecnici dell’allevamento e del letame proveniente dalle stalle. Ad attirare l’attenzione è stato l’odore fetido proveniente dal retro delle stalle dove erano ricoverati gli animali. Infatti, l’area adiacente alla struttura si presentava come un vero e proprio terreno di spandimento dei liquami ed escrementi provenienti dall’allevamento di bovini, equini e suini, nonché come deposito di resti di animali morti. Gli approfondimenti da parte dei Finanzieri hanno permesso di rilevare anche delle irregolarità sul registro di carico e scarico dei bovini e dei suini, nonché alcune difformità dei numeri identificativi riportati sugli auricolari applicati agli animali presenti nell’azienda. Le operazioni si concludevano con il sequestro dell’intera area e con denuncia a carico del responsabile, a cui spetteranno gli oneri di bonifica.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment