Wind: 48 mln in telecomunicazioni in Puglia

Il progetto rientra nel Fesr 2007-13. La Regione cofinanzierà l’iniziativa per 13 milioni di euro. Prevista occupazione per circa 50 persone

48 milioni di euro in infrastrutture di telecomunicazioni. A tanto ammonta l’investimento che Wind, in partnership con la società Network Contacts, ha in programma di realizzare in Puglia, entro il 2012. La Regione cofinanzierà il progetto attraverso un contributo pubblico pari a 13 milioni di euro. L'iniziativa di Wind, seconda fase di uno stesso progetto che nel 2008 ha già consentito l'avvio di un “Competence Center” a Molfetta, prevede la realizzazione di infrastrutture di rete mobile e in fibra ottica per contribuire alla diffusione della conoscenza attraverso l'accesso alle nuove tecnologie. In generale, saranno favorite le opportunità di crescita e di sviluppo dei sistemi produttivi locali e di nuova occupazione per oltre 50 persone. Grande attenzione è data alla qualità del lavoro e alle persone impiegate nel consorzio: nella struttura, è presente, tra l'altro, un asilo nido aziendale in grado di ospitare fino a 30 bambini. Il nuovo progetto è stato approvato dalla Giunta regionale pugliese nell'ambito del piano di crescita sinergica pubblico-privato in alcune aree del Mezzogiorno, previsto dal Programma Operativo del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007-2013 e approvato dalla Commissione Europea nel novembre 2007.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment