'TrasportAci sicuri'

Lecce. Sicurezza stradale: presentata la nuova edizione del progetto per la tutela dei più piccoli

Presentate oggi le nuove iniziative di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale promosse dalla Provincia di Lecce, in collaborazione con il Cesiss (Centro studi indipendente sulla sicurezza stradale) e con i Comuni di Lequile, Acquarica, Cavallino, Melendugno, Novoli, previste nel progetto “Trasportaci sicuri” dell’Automobile Club D’Italia. A illustrare i particolari del progetto, che mira ad informare i genitori su come salvaguardare la salute e la sicurezza dei bambini, sono intervenuti l’assessore provinciale ai Trasporti e mobilità, Bruno Ciccarese, il direttore dell’Ufficio provinciale Aci di Lecce, Gabriele Peciccia, il responsabile del Cesiss, Francesco Donateo e i sindaci dei Comuni interessati. Il tema centro di interesse è ancora una volta la poca sicurezza per i bambini in auto: solo 4 su 10 viaggiano su un seggiolino, mentre l’88% degli adulti indossa regolarmente le cinture di sicurezza. L’uso dei sistemi di ritenuta per i più piccoli è diminuito del 50% per i brevi spostamenti in città, dove invece si concentrano il 70% degli incidenti stradali. Complessivamente sono oltre 20 i bambini deceduti in auto nel 2009 e più di 5.000 i feriti. Un dato agghiacciante che emerge da una ricerca condotta dall’Aci nelle principali città italiane nell’ambito del progetto. Lo studio rileva poi come il mancato utilizzo del seggiolino sia spesso correlato alla fretta, alla brevità del tragitto e alla poca pazienza di fronte alle rimostranze dei bambini. E’ interessante anche la diversa attenzione dei genitori per area geografica: mentre, ad esempio a Verona il 64% dei bambini viene trasportato correttamente e il 94% degli adulti utilizza le cinture, a Catania solo il 33% dei bimbi è assicurato a un seggiolino e il 73% degli automobilisti indossa le cinture. “Troppe sono ancora oggi le vite in gioco quando si parla di sicurezza stradale. Per questo motivo la Provincia di Lecce ha da subito messo in campo un’incisiva azione finalizzata alla promozione e al sostegno di tutte quelle azioni capaci di promuovere una nuova cultura della sicurezza stradale”, ha dichiarato oggi in conferenza stampa l’assessore provinciale ai Trasporti e mobilità Bruno Ciccarese. “La mancanza di livelli elementari di sicurezza stradale ha un impatto devastante sulle vite di tante persone. Come adulti abbiamo il dovere di tutelare la vita dei nostri bambini. Promuovere l’uso dei dispositivi di sicurezza è il primo passo da intraprendere per garantire una riduzione del numero di vittime innocenti. I bambini sono indifesi e la strada non è un luogo sicuro, noi come adulti abbiamo l’obbligo di salvaguardare la loro incolumità e di proporre modelli educativi – comportamentali che siano da esempio”, ha concluso l’assessore Ciccarese. Cinque le date previste per la nuova edizione del progetto “Trasportaci sicuri”, che si estenderà presto a tutto il territorio nazionale: giovedì 24 marzo ore 18 ad Acquarica del Capo, Palazzo Medievale; martedì 5 aprile ore 17 a Cavallino, Auditorium Istituto Comprensivo Leonardo D. Vinci; martedì 12 aprile ore 17.30 a Lequile, Palazzo Andrioli.; giovedì 14 aprile ore 18 a Melendugno, Biblioteca Rina Durante (incontro che coinvolgerà l’Unione dei Comuni di Melendugno Castrì e Vernole); martedì 17 maggio a Novoli, Teatro Comunale. “Nonostante la campagna di sensibilizzazione effettuata, ancora solo 4 bambini su dieci vengono assicurati attraverso dispositivi di ritenuta idonei, quando l '88% degli adulti ormai utilizza le cinture di sicurezza. In particolare, questo è dovuto alla falsa convinzione che nei piccoli spostamenti l'utilizzo degli strumenti di protezione per i più piccoli non sia necessario, quando è stato dimostrato che proprio in città si verifica il maggior numero di incidenti stradali e, pertanto, l'utilizzo del seggiolino diventa più che mai indispensabile poiché riduce del 70% il rischio di morte o danni gravi per i più piccoli in tali eventualità”, ha dichiarato il direttore dell'Aci Gabriele Peciccia. “Siamo orgogliosi della nuova edizione del progetto “Trasportaci sicuri”, nella quale abbiamo fortemente creduto fin dall'inizio – afferma il responsabile del Cesiss, Francesco Donateo – tanto da costituire l’anello di congiunzione fra Provincia e Aci di Lecce. Abbiamo realizzato una iniziativa importante che ha come centro promotore proprio il Salento. Siamo soddisfatti della risposta che abbiamo registrato da parte dei Comuni e delle istituzioni locali che hanno subito abbracciato con entusiasmo il nostro desiderio di tutelare i più piccoli”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment