Adoc. Nuovo sportello a Cavallino

L'iniziativa nasce dalla necessità dei cittadini di ricevere assistenza in ordine ai diritti dei consumatori

Dopo l’apertura dello sportello di Martano, si consolida ancor di più la rete di consulenza e informazione predisposta da Adoc a servizio del territorio salentino. Si apre, infatti, un nuovo sportello a Castromediano, la popolosa frazione di Cavallino. Tutto nasce, infatti, dalla sempre più pressante necessità dei cittadini di ricevere assistenza in ordine alle frequenti domande e richieste nella materia del diritto dei consumatori. La sede Adoc di Lecce si pone l'obiettivo di accompagnare i cittadini nella vita quotidiana, in qualità di utenti, che si trovano, ad affrontare, “disservizi e diritti 'calpestati' dai 'colossi' delle telecomunicazioni, pratiche commerciali scorrette, frequenti e ingiustificate vessazioni provenienti dalle pubbliche amministrazioni, nonché i numerosi problemi causati dai professionisti nella vendita di beni o nella produzione di servizi che sempre più spesso mettono a dura prova la vita e la 'pazienza' del consumatore svantaggiato”. Per questo Adoc mette al servizio dei cittadini un punto di incontro per chi vuole partecipare attivamente alla vita della propria città, avanzare proposte e suggerire nuove soluzioni per una migliore vivibilità e per una maggiore attenzione alle tematiche della qualità della vita e del territorio. E’ per questo motivo, quindi, che apre un nuovo sportello presieduto da Alessandro Calò con il quale si consentirà una costante e capillare presenza sul territorio di Cavallino e nei paesi circostanti. Il nuovo sportello di Castromediano (Cavallino), via Bertolli, 11, è aperto il lunedì dalle ore 9,30 alle ore 12,30 e il venerdì dalle ore 9,30 alle ore 11,30 e risponde al numero telefonico 0832.230361, e.mail: [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment