Rifiuti, gestione illecita. Interviene il Noe

Brindisi. Attivati controlli presso 5 aziende produttrici di calce. Contestate anche le emissioni non autorizzate in atmosfera

I carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce hanno concluso un'attività di controllo effettuata presso 5 aziende produttrici di calce della provincia di Brindisi. In tutti i casi, il Noe ha riscontrato l'ipotesi di reato della gestione illecita di rifiuti che si concretizzava nell'attività di recupero di rifiuti legnosi, contaminati da vernici e colle, in impianti che non avevano le caratteristiche tecniche per riceverli. Sono state altresì riscontrate problematiche inerenti le emissioni in atmosfera: in un caso non erano state autorizzate mentre negli altri sono state riscontrate anomalie nelle attività di controllo delle stesse che prevedevano analisi periodiche non effettuate all'atto del controllo. Contestata infine anche la violazione dello smaltimento delle acque meteoriche di dilavamento dei piazzali degli impianti che in alcuni casi si disperdevano sulla pubblica via e, in altri, nei terreni limitrofi. Complessivamente sono 9 le persone deferite alla Procura della Repubblica di Brindisi per gestione illecita di rifiuti, emissioni in atmosfera non autorizzate (o inosservanza delle prescrizioni imposte relativamente alle stesse) e smaltimento di acque meteoriche di dilavamento dei piazzali non autorizzato. Le indagini sono state effettuate a seguito di alcuni esposti per i quali la Procura aveva delegato le indagini.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment