Lisi: ‘Stabilizziamo i vigili del fuoco volontari discontinui’

La proposta di legge presentata dal deputato salentino assieme al collega Enrico La Loggia

Valorizzare la professionalità dei volontari che operano nel Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e tutelare la categoria che lavora per la sicurezza dei cittadini. E’ la proposta del deputato salentino del Pdl Ugo Lisi che sostiene che “l’efficienza e l’operatività dei Vigili del Fuoco è anche opera di chi, come gli stessi volontari discontinui, sono pronti a sostituire i colleghi effettivi prestando soccorso nelle situazioni più difficili e, in molti casi, mettendo a repentaglio la loro stessa vita”. Per queste motivazioni, Lisi ha presentato con il collega Enrico La Loggia, un’iniziativa di legge che si pone l’obiettivo di stabilizzare i vigili del fuoco volontari discontinui che, negli anni, hanno sopperito ai disagi di organico. La presente Proposta, che consta di tre articoli, riguarda circa 8000 lavoratori discontinui e mira altresì al potenziamento degli organici, introducendo una procedura più veloce e avvantaggiando i lavoratori che hanno prestato servizio, per svariati anni, nell’amministrazione dei Vigili del Fuoco con la speranza di essere stabilizzati. “L’articolo 1 dell’iniziativa – spiega Lisi – intende sanare la situazione di coloro che hanno partecipato, risultando idonei, al concorso pubblico per 184 posti di vigile del fuoco, nell’anno 1998 e al concorso per titoli per 173 posti di vigile del fuoco riservato a coloro che risultano iscritti nei quadri del personale volontario del novembre 2001. Il secondo stabilisce le prove selettive, le cui modalità di svolgimento verranno demandate ad un apposito decreto del Ministro dell’Interno, che i candidati dovranno superare al fine della loro stabilizzazione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment