Indian Wells: Pennetta cede a Kleybanova

Tennis. Niente da fare per la salentina che abbandona il torneo, sconfitta dalla russa in due set

Si erano incontrate poche settimane fa a Dubai ed era finita 6-2 6-0 per la Pennetta. Dopo quattro match di fila vinti dalla brindisina, nel terzo turno di Indian Wells, a imporsi per 6-3 6-4 (in 1 ora e 17 minuti di gioco) è stata la russa Alisa Kleybanova, n. 24 del ranking mondiale che si è dimostrata molto solida al cospetto di una Pennetta a fasi alterne. Nulla, inoltre, hanno potuto le discese a rete di Flavia nel tentativo di spezzare il ritmo della sua avversaria che ha risposto agli attacchi della brindisina con efficaci passanti, soprattutto in lungolinea di rovescio. Il destino del primo set cambia all'ottavo gioco quando la russa fa il break, sale sul 5 a 3 e poi chiude nel seccessivo turno di servizio. Il secondo set, infine, si gioca in pochi punti. Accade tutto sul 4 a 3 per la russa, che cede il servizio (doppio fallo e rovescio al centro della rete). Sulla situazione di ristabilità parità è la Pennetta a perdere l'occasione e, a sua volta, restituisce il break all'avversaria consegnandole la partita. Per la brindisina, arrivederci a Miami, dal 26 marzo. 13 marzo 2011 – Indian Wells: Pennetta vince a fatica Con il punteggio di 6-4 3-6 6-4, Flavia Pennetta supera l'inglese Elena Baltacha e accede al terz turno del torneo americano di Indian Wells. L'inizio del match è a favore della salentina che ha, dalla sua, un servizio che funziona benissimo: con una percentuale di punti sulla prima dell'80% e 4 aces chiude la prima frazione di gioco per 6-4, dopo aver anato tre palle break. Nel secondo set, la Baltacha si fa viva e scuote la partita e la sua avversaria che, con percentuali in lenta discesa, non riesce a opporre una difesa adeguata alla rimonta dell'inglese. Pennetta recupera un break di svantaggio, ma poi ritorna sotto. La seconda partita si chiude sul punteggio di 6 a 3. Il contraccolpo per la Pennetta che conduceva il match e che ora si ritrova a dover giocare un terzo set, potrebbe non essere solo un fantasma. La fase cruciale del 3° set è nel 5° gioco: la Baltacha strappa il servizio alla brindisina e si porta sul 4 a 2. E' un colpo che potrebbe ammazzare definitivamente la partita, ma così non è. Pennetta, infatti, non si scoraggia e torna a servire bene: mette a segno degli aces, ma anche qualche doppio fallo. Il bilancio però è positivo. Con una buona battuta, la brindisina riesce a comandare gli scambi e tenere sotto pressione la Baltacha. Con questa tattica, Pennetta fa un doppio break e chiude per 6-4. 12 marzo 2011 – Indian Wells: inizia la stagione sul cemento americano Inizia la stagione del grande tennis americano su cemento. Un passaggio breve, ma intenso, da Indian Wells in California a Miami, per due settimane di full immersion tennistico, prima del capitolo su terra rossa, in Europa. Torna in campo Flavia Pennetta, la tennista brindisina, che ha alle spalle due importanti tornei ben giocati come Dubai (dove si è arresa in semifinale alla russa Svetlana Kuznetsova) e Doha (sconfitta nei quarti dalla numero 1 del mondo Caroline Wozniacki). Oggi, (alle 11 – alle 20 in Italia) dopo un bye al 1° turno, la salentina, 13esima testa di serie, affronta l'inglese (ucraina di nascita) Elena Baltacha. Nei testa a testa è avanti Pennetta per 1 a 0. Il precedente risale addirittura a 11 anni fa, a Wimbledon, quando una giovanissima Flavia (18 anni) vinse il match di qualificazioni di accesso al torneo, con il punteggio di 6-3 4-6 6-2 La Baltacha è n. 74 del mondo e nel primo turno ha eliminato l'altra pugliese in gara, la tarantina Roberta Vinci, per 2-6 7-5 6-2.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment