Ict: la provincia che innova

Consigli comunali on line, info sms, servizi digitalizzati. Le pubbliche amministrazioni locali provano a rendersi trasparenti e a migliorare il rapporto con la cittadinanza

Piccole comunità salentine si attrezzano. Tecnologicamente. Il Comune di Cavallino, di fronte all’esigenza di migliorare il rapporto con i cittadini e la comunità nel suo complesso, ha inteso individuare diversi canali di ascolto tramite l’utilizzo di nuove forme di comunicazione istituzionale legate all’innovazione. A questo scopo è nato “Info Sms”, un servizio legato al più ampio progetto “M – city” di cui l’amministrazione sta dotando la città. Il servizio per i diritti di informazione dei cittadini, vuole facilitare l’accesso agli atti e rispondere alla necessità di trasparenza di una amministrazione pubblica moderna, per la realizzazione di un governo cittadino partecipato e condiviso. Di recente, il Comune di Salve ha vinto il Premio “Innovazione Ict Puglia” (nel campo della pubblica amministrazione, pag. 25) e ha, in seguito, presentato “BancoMed®” per la salute del cittadino su pen drive. Il progetto, sperimentale nel contesto nazionale, riguarda un fascicolo elettronico contenente la storia sanitaria e clinica del cittadino, alimentata “direttamente” dallo stesso o dal medico curante attraverso la “digitalizzazione” e conservazione della propria documentazione medica (e.g. referti, lettere di dimissioni, piani terapeutici). In questo contesto, l'utente diventa il fulcro del sistema di raccolta e gestione delle informazioni cliniche. Anche Maglie e Poggiardo, a fine gennaio e febbraio, hanno attivato il servizio che interesserà, in una prima fase, i nati del 2009 e 2010. L’iniziativa, col tempo, sarà poi estesa a tutti, a partire dai soggetti con patologie gravi costretti a spostarsi per le cure mediche. Monteroni di Lecce, invece, nel settembre del 2010 ha realizzato una serie di servizi innovativi per gli studenti, in collaborazione con L'Università del Salento. Si tratta di “Monteroni Card” (per sollecitare gli acquisti attraverso le agevolazioni) e “Monteroni Wi fi” che consentirà il libero accesso a internet ai giovani interessati a navigare sul web. Se poi è vero che innovazione nella pubblica amministrazione fa rima con trasparenza, in questa mappa attuale di tecnologie diffuse, non si può non mettere in conto il debutto delle video riprese durante lo svolgimento dei consigli comunali: da Porto Cesareo a Carmiano. Informatizzare i processi amministrativi e rendere l'amministrazione trasparente, cioè passibile di essere sottoposta a controllo quotidiano, significa non solo dare certezza ai diritti dei cittadini, ma anche poter esercitare un monitoraggio sociale, prevenendo il rischio di corruzione e di illeciti a danno della Pubblica Amministrazione. Il 2 marzo, è stato firmato un protocollo d'intesa triennale tra il Ministro Brunetta e il presidente Vendola. Obiettivo complessivo sarà agevolare il rapporto tra Pa, cittadini e imprese migliorando l'offerta dei servizi. Attuazione del Cad (Codice dell’Amministrazione Digitale) e diffusione della Pec (Posta elettronica certificata) e del Voip (Voce tramite protocollo Internet) sono i capisaldi dell'accordo. Nel complesso, in Puglia, la PA è all'avanguardia tecnologica. La Puglia va meglio della Lombardia ed è sopra la media italiana per uso dell'informatica. I Comuni pugliesi che ricorrono alle Ict con l'adozione di documenti di pianificazione strategica sono il 51% del totale contro il 32,1% della Lombardia e il 40,8% della media italiana. E' dotato di strumentazioni Gis il 32,1% dei Comuni pugliesi (in Italia il 24,7%), di strumentazione Cad, il 48,7% (in Italia il 46,5%), di Gps palmare l'8,1% (la media nazionale è del 5,9%). “In Puglia – ha commentato la vice presidente della Regione, Loredana Capone – il 97% della popolazione è servita da banda larga e il 94% del territorio è coperto da infrastruttura di banda larga. Un primato italiano ottenuto con grandi investimenti da parte della Regione Puglia che ha messo a disposizione, tra interventi già realizzati e da realizzare nel corso dell'anno, più di 130milioni di euro. Ma – ha aggiunto – le sole infrastrutture non sono sufficienti se non sfruttate in tutte le loro potenzialità. La scheda di “Info Sms” Per la comunicazione interna ed esterna degli Enti Locali sono necessari nuovi strumenti di comunicazione e di informazione. Oggi, dalle diverse statistiche di mercato, effettuate dagli operatori nel settore delle telecomunicazioni, emerge che l'sms sia lo strumento che consente di comunicare con i propri cittadini in modo più veloce ed a costi più ridotti. Obiettivi “Info Sms” è una iniziativa che fornirà informazioni di pubblico interesse, di particolare urgenza e tempestività relative all’attività comunale, come eventi culturali, sportivi, sociali, manifestazioni, convegni, e particolari situazioni relative alla viabilità, ai parcheggi, ai lavori di manutenzione; comunicazioni di protezione civile; iscrizione scuole; scadenze Ici e Tarsu. 5 aree di interesse – Avvisi (informazioni su scuole, asilo nido, biblioteca, bandi e concorsi, corsi di formazione, assistenza anziani, disabili, immigrati, famiglie disagiate, volontariato; informazioni utili su procedure per concessioni, denunce, certificazioni, accesso agli atti e richieste varie; scadenze Ici, Tarsu, Tosap) – News (notizie attività istituzionali, ordinanze); – Eventi (culturali, sportivi, sociali, rassegne estive, manifestazioni, convegni); – Protezione civile (avvisi su allerta meteo, gravi calamità naturali, ordine pubblico, emergenze di carattere ambientale, ed emergenze sanitarie). – Traffico e viabilità (Informazioni importanti per la viabilità cittadina e lavori di manutenzione); Le iniziative di comunicazione istituzionale e sociale, si riferiscono alle attività fondamentali previste dalla legge sulla comunicazione pubblica e precisamente: • favorire la conoscenza delle disposizioni normative e regolamentari al fine di facilitarne l'applicazione; • illustrare le attività amministrative dell’Ente (iniziative deliberate dalla Giunta Comunale, Ordinanze del Sindaco, iniziative dell’organo politico in genere) • illustrare le attività del Consiglio Comunale ed il loro funzionamento (lavori del Consiglio, ordini del giorno del Consiglio e delle Commissioni); • agevolare l'accesso ai servizi, promuovendone la conoscenza; • promuovere conoscenze allargate ed approfondite su temi di rilevante interesse pubblico e sociale. Accesso al servizio E' necessario iscriversi preventivante attraverso varie opzioni: compilando un modulo stampato sul retro della cartolina promozionale del servizio, in distribuzione presso il Comune e in tanti luoghi di aggregazione del territorio oltre che attività commerciali; compilando un form di registrazione posto sul sito istituzionale del Comune; inviando un sms al n. 342.06.07.011 con indicato il proprio nome, cognome ed indirizzo; inviando una mail all’indirizzo [email protected] con indicata la volontà di aderire al sistema, nome, cognome, indirizzo e numero di cellulare; scrivendo un messaggio privato sull’account di facebook del comune di Cavallino (Cavallino di Lecce). Per aggiornare i dati o cancellarsi da servizio basterà presentare una richiesta scritta all’ufficio protocollo o inviarla via mail o fax. Il cittadino nella fase di registrazione via web potrà anche selezionare la tipologia di messaggio a cui è interessato. Le categorie sono sperimentali e potranno essere implementate in futuro, anche grazie ai suggerimenti dell’utenza cittadina. Al titolare del numero di cellulare indicato nei vari moduli, verrà inviato un primo messaggio sms contenente la conferma dell’adesione al servizio. A conclusione delle attività sopra indicate, il cittadino è iscritto al servizio “InfoSms” e potrà in qualsiasi momento comunicare la propria cancellazione. Il servizio è gratuito per il cittadino. Il progetto “InfoSms” con le sue diverse componenti (software e servizi telematici), è gestito da One Marketing group, azienda preposta alla gestione ed erogazione dei servizi di comunicazione istituzionale (tramite l’invio di Sms al telefono mobile), rivolti sia all’interno della struttura organizzativa dell’Ente che verso il “mondo esterno” (associazioni, ordini professionali, aziende, cittadini, ecc.).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!