Azionariato popolare: 'Il Mio Gallipoli' c'è

Se n'è discusso a Roma. Si tratta della possibilità per un ente costituito da tifosi di essere parte integrante della società o associazione sportiva di riferimento

Azionariato popolare: Gallipoli è la seconda esperienza in Italia dopo Mantova. Se n’è parlato presso i locali del Circolo Tennis dell'Acqua Santa in Roma dove si sono riuniti i rappresentanti degli Azionariati Popolari: Amici del Rimini Calcio, Cooperativa Modena Sport Club. Il Mio Gallipoli. Mantova United, MyRoma eToro Mio. I partecipanti all’incontro hanno condiviso che l’azionariato popolare ha lo scopo di creare una rappresentanza responsabile e democratica di tifosi, i quali, attraverso la partecipazione al capitale sociale del proprio Club, diventano parte attiva alla crescita sportiva e finanziaria. A prescindere dal modello scelto, deve avere i seguenti requisiti: 1. Soggetto giuridico senza scopo di lucro 2. Democraticità 3. Vasta partecipazione popolare 4. Quota adesione sostenibile Il neonato Coordinamento Nazionale Azionariato Popolare Italia si prefigge di: • divulgare sul territorio nazionale la cultura e la filosofia dell’Azionariato Popolare come modello di proprietà e gestione sostenibile di una società sportiva attraverso metodologie partecipative ponendo il tifoso in primo piano; • Svolgere supporto informativo a favore di chi deciderà di iniziare un percorso di formazione atto a dar vita ad un movimento di Azionariato Popolare a beneficio del proprio Club. • Di radicare, valorizzare, promuovere e diffondere l’educazione ad una dimensione etica e culturale della passione sportiva, ad un impegno civile contro la violenza, alla diffusione presso i giovani dell’amore per la pratica diretta dello sport, non solo del calcio, nonché l’educazione alla sportività e alla lealtà della competizione. Approvato, inoltre, l’utilizzo del sito www.azionariatopopolareitalia.it , come strumento divulgativo delle attività del Coordinamento Nazionale. L’avvocato Domenico Zinnari, delegato per l’Associazione “Il Mio Gallipoli”, presente alla riunione dichiara: “l'incontro tenutosi recentemente è stato utile occasione di confronto tra le varie realtà operanti sul territorio nazionale in cui con modalità differenti e diversi modelli giuridici si sta progressivamente perseguendo l'obiettivo di garantire la partecipazione dei tifosi e degli appassionati alla concreta gestione dei clubs sportivi”. L'idea forte è quella di creare un modello italiano di “azionariato popolare”, non essendo immediatamente mutuabili, considerate la specificità delle normative statali e sportive di ciascun paese, i modelli inglesi, spagnoli e tedeschi che pur rappresentano indubbi punti di riferimento (per tutti il St. Pauli militante nella Bundesliga interamente di proprietà dei tifosi). I partecipanti all'incontro hanno positivamente apprezzato l'esperienza dell' Associazione il Mio Gallipoli. Si è constatato che, ad oggi, Mantova e Gallipoli rappresentano le due realtà in cui, in misura diversa, un ente costituito da tifosi ed appassionati è parte integrante della società od associazione sportiva di riferimento. Grande fermento a Modena dove entro il termine della stagione la cooperativa costituita da tifosi dovrebbe acquisire una quota della società. Inoltre grande apprezzamento è stato manifestato dai partecipanti all'incontro per la filosofia dell'Asd Gallipoli Football 1909 e le concrete iniziative poste (settore giovanile, valorizzazione del territorio, tornei internazionali, iniziative benefiche, stadio senza barriere)”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!