Conti e sanità: 'Vendola non ha di che vantarsi'

Bari. Lo afferma il coordinatore della “Puglia prima di tutto”, Salvatore Greco: “è stato il presidente a creare il debito e non a dimezzarlo”

“Stupisce come il presidente Vendola riesca sempre a trovare il modo per vantarsi pur dinanzi a bocciature e rilievi: peccato che per lui parlino i fatti, come i numeri del deficit sanitario”. Lo afferma il coordinatore della “Puglia prima di tutto”, Salvatore Greco. “Di fronte a un deficit sanitario fuori controllo – sostiene il consigliere regionale – e al disastro certificato della sanità dell'era Vendola, è una magra consolazione che sia stato varato un Piano di riordino ospedaliero, visto che ci sono voluti sei anni per mettervi mano e che anche a parere della Corte dei Conti, e non soltanto nostro, doveva essere fatto molto prima”. “Sul fronte dei conti poi – prosegue – la situazione è perfino peggiore: neppure il piano di rientro 'lacrime e sangue' basterà a riportare ordine, visto che la prospettiva del commissariamento non appare affatto scongiurata”. “Fa sorridere – conclude Greco – leggere che Vendola si vanta di aver dimezzato il debito, omettendo di dire che è stato lui e non altri a crearlo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment