I 'Paladini di via Messina' ripuliscono la città

Casarano. Gli alunni delle classi IV sez. A e B del “Polo 2”, durante il Carnevale, libereranno le strade dalle bombolette spray

L’educazione ambientale “insegnata” dai bambini durante le caotiche giornate del carnevale. Amministrazione comunale, circolo Legambiente “Colibrì” di Casarano e gli alunni delle classi IV sez. A e B del Polo 2 di via Messina, diretto da Giovanna Salento, saranno i protagonisti di un’iniziativa unica nel suo genere, già sperimentata nel 2010, che sposa l’ambiente con il carnevale. I bambini, infatti, già noti come “I Paladini di via Messina”, anche quest’anno saranno in prima linea nella raccolta delle bombolette spray durante le sfilate del “Carnevale della fantasia”. Lungo tutto il percorso della sfilata, infatti, saranno collocati dei simpatici bidoncini realizzati dagli stessi ragazzi e che invitano alla raccolta differenziata delle bombolette. I ragazzi raccoglieranno le bombolette esauste lasciate per terra lungo il percorso e, nello stesso tempo, faranno opera di sensibilizzazione ai loro coetanei per fare la raccolta differenziata. In questo modo, gli alunni del Polo 2 vivranno le manifestazioni carnevalesche, in programma domenica 6 e martedì 8 marzo (dalle 13 alle 20), non solo all’insegna del divertimento, ma anche dell’impegno per la tutela dell’ambiente. I bidoncini colorati saranno collocati lungo il percorso che toccherà le seguenti strade: piazzetta Papa Giovanni Paolo II (viale Ferrari), viale Ferrari, via Luigi Memmi, via Matino, corso XX Settembre, via Solferino, piazza San Domenico, via Dante piazza Indipendenza. “Accogliamo di buon grado iniziative di questo genere – hanno affermato il sindaco, Ivan De Masi, e l’assessore alla Sostenibilità ambientale, Ciccia Mariano – sia perché vanno nella direzione della salvaguardia del decoro urbano, sia perché provengono dai bambini. Il modello educativo si capovolge e diventano i più piccoli ad insegnare qualcosa ai più grandi. Speriamo che tutti sappiano cogliere questa occasione – concludono gli amministratori – coniugando il sano divertimento al rispetto della città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!