'Lu Paulinu' di Martignano su Rai Uno

Domani, alle 9.35, “Magica Italia” racconta il Salento, le tradizioni carnascialesche della Grecìa, le sue maschere e i suoi piatti tipici

“Magica Italia, turismo&turisti”, prodotto da Rai Uno in convenzione con la Struttura di Missione per il Rilancio dell’Immagine dell’Italia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è una vetrina televisiva per scoprire le tradizioni carnascialesche della Grecìa Salentina e in particolare del Carnevale di Martignano con i suoi piatti tipici e la maschera più famosa: “Lu Paulinu Cazzasassi”, personaggio irriverente che sbeffeggia i “potenti”. La trasmissione di questa settimana, in onda domani, a partire dalle ore 9.35, racconta “Lu Paulinu” di Martignano, le architetture della città, i canti in griko e l’offerta turistica del territorio. Le riprese a Martignano nel frantoio ipogeo, nell’aranceto e nell’ampio cortile del Parco turistico culturale “Giuseppe Palmieri”, sono state realizzate in collaborazione con l’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, Azienda di Promozione Turistica della provincia di Lecce, Comune di Martignano e Associazioni locali (Assoimpresa, Pro Loco, Gruppo Amici de “Lu Paulinu”) coordinate da Pantaleo Rielli presidente dell’Associazione turistica culturale “Salento Griko” che gestisce il “Parco Palmieri”. La troupe di “Magica Italia”, per la regia di Daniele Carminati, ha realizzato una pillola di 5 minuti, dove tra canti e danze degli “Arakne Mediterranea”, storico gruppo di musica popolare salentina fondato da Giorgio di Lecce e diretto da Immacolata Giannuzzi, si racconta “La morte te lu Paulinu”. La vedova in lacrime, Nina Sconza (Caremma), in compagnia di cumpare N’toni, cummare Licchia, l’angilu Giocondu, lu ziu Peppinu, la papara, la ciuccia, i parenti vicini e luntani, chiangimorti, trallallero e trallalla’, festeggia la morte del marito, “Paulinu” (Carnevale), davanti a piatti fumanti di trippa con patate (preparata da Italo Chironi), “coddima” (grano cotto con zucchero e uvetta) e tantissime altre tipicità della Grecìa Salentina. Il servizio documenta anche il tessuto linguistico e l’offerta turistico ricettiva del territorio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!