Wi – Fi: nata la nuova rete di Ateneo

Lecce. L'iniziativa è stata realizzata nell'ambito del progetto “Ict4University – WiFi-SUD” finanziato dal Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie della Presidenza del Consiglio dei Ministri

La nuova rete Wi-Fi dell’Università del Salento è stata realizzata per consentire a studenti, docenti e personale tecnico – amministrativo di accedere da qualunque luogo alle risorse informatiche di Ateneo e alla rete Internet con qualunque dispositivo, fisso o mobile La rete è stata realizzata nell’ambito del progetto “Ict4University – WiFi-SUD” finanziato dal Dipartimento per l’Innovazione e le Tecnologie della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il bando di gara ha riguardato la fornitura di una rete wireless conforme agli standard IEEE 802.11b/g/n, per il potenziamento della copertura di tutte le sedi dell’Università e la copertura ex novo delle quattro residenze universitarie. In precedenza, l’Ateneo disponeva di una rete wireless con copertura parziale degli edifici del campus principale, che però non era in grado di sopportare la mole di traffico che la presenza di migliaia di studenti richiedeva. Tra i principali requisiti richiesti al sistema vi erano: • l’affidabilità degli apparati e perfetta integrazione con il sistema ICT esistente; • la semplicità di installazione e di configurazione; • la semplicità nella configurazione dei canali radio per evitare confitti; • la semplicità nella configurazione e nella gestione delle utenze (28mila unità). Definito il capitolato tecnico, alla gara europea hanno partecipato 13 concorrenti. Vincitrice è risultata Telecom Italia, che ha proposto la soluzione wireless di Meru Networks (distribuita in Italia da Fiore, che ha curato il progetto e l’intera fornitura), composta da 431 access point con doppia radio (5 e 2,4 GHz) per supportare sia lo standard ‘n’ che i precedenti ‘b’ e ‘g’, alimentazione PoE, 3 controller da 250 AP ciascuno, un sistema di network management ridondato e un sistema di location management, che sarà attivato in un secondo tempo. Assegnati i lavori lo scorso aprile 2010, l’implementazione della rete è stata curata dal system integrator N&C, che si è occupato di installare e mettere a punto il sistema concludendo i lavori entro il 30 giugno 2010, in linea con quanto previsto dal progetto. Un segno evidente della facilità di installazione e configurazione degli apparati Meru e della competenza e professionalità delle aziende fornitrici coinvolte. La rete ha iniziato a essere operativa sin dalle prime fasi dell’installazione: gli access point entravano in produzione mano a mano che venivano installati, il che ha reso possibile una verifica in tempo reale e con traffico reale dell’impianto. Da sottolineare che l’Università del Salento è stata l’unica, tra le Università partecipanti al progetto WiFi Sud, a non chiedere proroghe al Ministero per la realizzazione degli impianti. Nei primi mesi di utilizzo sono stati circa mille gli utenti al giorno, con picchi di 600 utenti contemporanei. Ora che l’infrastruttura wireless è pronta, l’obiettivo è quello di diffondere maggiormente l’utilizzo delle applicazioni in rete, in modo da rendere ancor più snelle le procedure e i servizi didattici e operativi, compresa la Web TV e i servizi di telefonia IP. La copertura completa delle sedi dell’Università consente di rispondere puntualmente non solo alle richieste di traffico provenienti da qualsiasi device di studenti e docenti (notebook, netbook, smartphone, iPad), ma anche a richieste improvvise e temporanee di nuove utenze anche numerose, come ad esempio in caso di convegni in aree particolari del Campus. Coperte anche tutte le residenze universitarie, in modo da garantire anche agli studenti che le abitano la possibilità di continuare a essere in collegamento con i sistemi dell’Università utilizzando le proprie credenziali di accesso. Particolare attenzione è stata posta alla mobilità internazionale; a tal fine l’Università del Salento ha aderito alla federazione EDUROAM (EDUcation ROAMing) che consente di utilizzare le stesse credenziali per navigare in Internet presso tutti gli enti federati.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!