Mafia a Galatina: 'si sciolga il consiglio comunale'

E' la proposta del deputato Zazzera dell'Idv che chiede come mai il sindaco Coluccia minimizzi la questione

“Il Presidente della corte d'appello di Lecce Mario Buffa – dichiara Pierfelice Zazzera (Idv) – ha manifestato la sua forte preoccupazione per il pericolo di infiltrazioni mafiose nel territorio salentino, riportando quanto denunciato dal procuratore antimafia Cataldo Motta nel rapporto stilato per l'inaugurazione dell'anno giudiziario. In particolare, nei comuni di Monteroni e Galatina vi sarebbero forti legami tra interessi economici, pubblici amministratori e criminalità organizzata. Il Presidente della Corte di Appello ha fatto riferimento in modo particolare a due appalti per il funzionamento delle mense scolastiche di Galatina aggiudicati a familiari o persone vicine a esponenti della Sacra Corona Unita come i fratelli Coluccia e Mario Notaro, quest'ultimo condannato per associazione a delinquere e indagato per usura commessa con metodo mafioso. Per questo noi dell'Italia dei Valori siamo sorpresi dalle dichiarazioni del sindaco di Galatina, Giovanni Carlo Coluccia, il quale tende pubblicamente a minimizzare situazioni che sono di una gravità estrema. Noi dell'Idv – prosegue Zazzera – insieme ai dirigenti salentini del partito ci attiveremo affinché il comune di Galatina vengasciolto per infiltrazioni mafiose, e per questo ho depositato un'interrogazione parlamentare al Ministro degli Interno, Maroni. Credo che ci siano tutte le condizioni per chiedere lo scioglimento del comune, e siamo convinti che in tali casi sia meglio prevenire ed intervenire in tempo, prima che i danni diventino irreparabili. D'altronde – conclude Zazzera – la stessa vicenda sanitaria pugliese è nata da un'inchiesta partita proprio dalle dichiarazioni di un pentito affiliato al clan criminale di Altamura facente capo al boss Bartolo D'Ambrosio e agli interessi intorno agli appalti su rifiuti e sanità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!