'Serre salentine' incontra Tuglie

Evento pubblico rivolto a giovani, imprenditori e commercianti per discutere sulle nuove opportunità di crescita per il territorio

L’amministrazione comunale di Tuglie, in stretta collaborazione con “Serre Salentine”, presenta il Piano di Sviluppo Locale del Gal e degli ambiti di intervento quali il sostegno alla creazione di imprese, l'incentivazione di attività turistiche, i servizi essenziali per l’economia e la popolazione rurale, la tutela e la riqualificazione del patrimonio, la formazione e l'informazione, i progetti di cooperazione interterritoriale e transnazionale. Rivolto a giovani, imprenditori, commercianti e cittadini, l’incontro, che si svolgerà oggi, alle 19, presso la Sala Consiliare del Municipio, vedrà la partecipazione di Daniele Ria, Sindaco di Tuglie; Salvatore Selce, Assessore al Turismo del Comune di Tuglie; Alessia Ferreri, Direttore del Gal Serre Salentine; Salvatore D’Argento, Presidente del Gal Serre Salentine; Massimiliano Nenni, Animatore del Gal Serre Salentine; Tommaso Marsano, Progettista del Psl Serre Salentine. Coordina e conduce Filippo Calò, Consigliere delegato alle Attività Produttive del Comune di Tuglie. Il Gruppo di Azione Locale è un organismo formato da 164 partner pubblici e privati con l’obiettivo di favorire lo sviluppo locale dell’area rurale delle Serre Salentine, comprendente i comuni di: Alezio, Alliste, Casarano, Collepasso, Galatone, Gallipoli, Matino, Melissano, Neviano, Parabita, Racale, Sannicola, Taviano e Tuglie. Protagonista dello sviluppo territoriale, favorisce percorsi di cambiamento, fornisce strumenti innovativi orientati ad un migliore utilizzo delle risorse esistenti, valorizza potenzialità inespresse e crea numerose opportunità di crescita del territorio. Inserire il territorio di competenza nei circuiti del turismo rurale e dell’agricoltura sociale, rafforzare e valorizzare le produzioni tipiche, creare un legame con i consumi degli abitanti e dei visitatori, realizzare un sistema innovativo di promozione per le risorse storiche, culturali e ambientali del territorio, attivare un sistema di servizi per la fruizione delle risorse e per la qualità della vita, avviare un sistema di promozione complessiva del territorio: attraverso questi ambiti, il Gal si fa “agenzia di sviluppo”, attenta ed efficace, capace di interagire con il territorio circostante.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!