'Serre salentine' incontra Tuglie

Evento pubblico rivolto a giovani, imprenditori e commercianti per discutere sulle nuove opportunità di crescita per il territorio

L’amministrazione comunale di Tuglie, in stretta collaborazione con “Serre Salentine”, presenta il Piano di Sviluppo Locale del Gal e degli ambiti di intervento quali il sostegno alla creazione di imprese, l'incentivazione di attività turistiche, i servizi essenziali per l’economia e la popolazione rurale, la tutela e la riqualificazione del patrimonio, la formazione e l'informazione, i progetti di cooperazione interterritoriale e transnazionale. Rivolto a giovani, imprenditori, commercianti e cittadini, l’incontro, che si svolgerà oggi, alle 19, presso la Sala Consiliare del Municipio, vedrà la partecipazione di Daniele Ria, Sindaco di Tuglie; Salvatore Selce, Assessore al Turismo del Comune di Tuglie; Alessia Ferreri, Direttore del Gal Serre Salentine; Salvatore D’Argento, Presidente del Gal Serre Salentine; Massimiliano Nenni, Animatore del Gal Serre Salentine; Tommaso Marsano, Progettista del Psl Serre Salentine. Coordina e conduce Filippo Calò, Consigliere delegato alle Attività Produttive del Comune di Tuglie. Il Gruppo di Azione Locale è un organismo formato da 164 partner pubblici e privati con l’obiettivo di favorire lo sviluppo locale dell’area rurale delle Serre Salentine, comprendente i comuni di: Alezio, Alliste, Casarano, Collepasso, Galatone, Gallipoli, Matino, Melissano, Neviano, Parabita, Racale, Sannicola, Taviano e Tuglie. Protagonista dello sviluppo territoriale, favorisce percorsi di cambiamento, fornisce strumenti innovativi orientati ad un migliore utilizzo delle risorse esistenti, valorizza potenzialità inespresse e crea numerose opportunità di crescita del territorio. Inserire il territorio di competenza nei circuiti del turismo rurale e dell’agricoltura sociale, rafforzare e valorizzare le produzioni tipiche, creare un legame con i consumi degli abitanti e dei visitatori, realizzare un sistema innovativo di promozione per le risorse storiche, culturali e ambientali del territorio, attivare un sistema di servizi per la fruizione delle risorse e per la qualità della vita, avviare un sistema di promozione complessiva del territorio: attraverso questi ambiti, il Gal si fa “agenzia di sviluppo”, attenta ed efficace, capace di interagire con il territorio circostante.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati