Rinnovabili: 'necessaria l'anagrafe nazionale'

Bari. Per l'Udc regionale è necessario estendere i controlli a tutto il territorio

“L’istituzione di un’anagrafe regionale degli impianti eolici e fotovoltaici potrebbe spingere chi investe illecitamente verso altre regioni, così come successo in passato con il contrabbando di sigarette che dalla Puglia si spostò nelle Marche. Per questo invito senatori e deputati dell’Udc a farsi promotori di un’iniziativa simile chiedendo l’istituzione di un’anagrafe nazionale degli impianti di energie da fonti rinnovabili”. Lo ha detto il consigliere regionale Udc, Euprepio Curto, al termine dei lavori della V Commissione, presieduta da Donato Pentassuglia, riunita oggi in Via Capruzzi per esprimere dei pareri su alcune proposte di legge tra cui quella del consigliere Curto relativa all’istituzione di un’anagrafe regionale degli impianti eolici e fotovoltaici. Un tema ritenuto importante da tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio e dal vicepresidente Loredana Capone che ha partecipato ai lavori della Commissione. Al termine della discussione si è proceduto alla costituzione di un Comitato ristretto costituito, oltre che dal consigliere Curto, anche dai colleghi Losappio ed Epifani che hanno presentato proposte di legge di legge in materie di energie da fonti rinnovabili. Tale Comitato dovrà procedere all’esame di tali proposte onde evitare inutili ripetizioni nelle norme. “Si tratta di un risultato politico importante che ci consentirà di monitorare e controllare l’identità dei soggetti che stanno investendo capitali enormi in Puglia, sulla provenienza di tali risorse, sull’utilizzo di eventuali prestanomi e su eventuali infiltrazione della criminalità organizzata – ha commentato il consigliere Udc Curto – La nostra preoccupazione però è che chi intende investire illecitamente potrebbe rivolgere la sua attenzione fuori dalla Puglia, verso altre regioni. Un’anagrafe nazionale degli impianti che potrebbe scoraggiare eventuali illeciti. Per questo invito i parlamentari dell’Unione di Centro a farsi promotori di analoga iniziativa a livello nazionale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!