A proposito di staminali sicure e certificate – www.beike.ch

La maggior parte delle cellule del nostro corpo ha una propria specifica funzione all’interno di determinati organi, quali il fegato, la pelle o il cervello. Le cellule staminali, invece, sono poco differenziate tra di loro e hanno la capacità di svilupparsi in diversi tipi di cellule per poi esercitare funzioni diverse. Una delle caratteristiche più importanti delle cellule staminali è la loro capacità di riprodursi in cellule nuove ed è per questa loro intrinseca caratteristica che possiamo utilizzare le nostre cellule staminali o quelle di altri individui, o addirittura tessuti od organi derivati da cellule staminali, per sostituire altri tessuti e organi colpiti da malattia o invecchiamento. Questo permette il trattamento di una vasta gamma di malattie e malformazioni, molte delle quali non possono essere trattate con i metodi tradizionali. Oltre a rinnovarsi e a potersi sostituire ad altre cellule, un’altra loro importante funzione (e da qui si spiega il perchè dei grandi vantaggi che offre la maggior parte dei trattamenti con cellule staminali) è quella di fornire al corpo un complesso di cellule (cell factors) che lo aiutino sviluppare meglio le seguenti funzioni: 1. Immunoregolazione 2. Riduzione dell'apoptosi (morte) cellulare 3. Stimolazione della differenziazione delle cellule staminali del paziente stesso 4. Neo-angiogenesi (crescita dei vasi sanguigni con conseguente aumento del flusso sanguigno in aree danneggiate) 5. Riduzione delle cicatrici 6. Miglioramento dell’efficacia della conduzione intercellulare di segnali elettrici e trasduzione È importante notare come gli scienziati non ritengono che le cellule staminali derivate dal sangue del cordone ombelicale, le mesenchimali e le staminali ottenute dal midollo osseo, a differenza di quelle embrionali/fetali, possano causare tumori. Nessuno degli oltre 9000 pazienti trattati con cellule staminali da Beike ha sviluppato il cancro a causa del trattamento. In realtà, i ricercatori stanno cercando il modo di utilizzare “cellule-killer” derivate da cellule staminali adulte e ombelicali per combattere i tumori e trattare pazienti malati di cancro. Sono tre le “fonti” da cui Beike preleva le cellule staminali: sangue del cordone ombelicale, cordone ombelicale, midollo osseo autologo. Dopo aver esaminato tutte le informazioni mediche del paziente, i medici de Dipartimento medico consiglieranno da quale fonte prelevare le cellule staminali per il trapianto. In alcuni casi, i protocolli di alcuni pazienti possono prevedere l'utilizzo di più di un tipo di cellule staminali. Va in ogni caso sottolineato che Beike non è una “clinica”. Beike è la più grande azienda al mondo nel campo della ricerca sulle cellule staminali. Non c'è nessuna società con un laboratorio così vasto e con una scorta di cellule staminali delle dimensioni della Beikee e non esiste Centro clinico che usi le cellule staminali che abbia trattato più pazienti di Beike. Fino ad oggi Beike ha infatti già trattato oltre 9.000 pazienti in tutto il mondo. Beike ha recentemente ricevuto la certificazione ISO9001 per i suoi laboratori. Per chi conosce il certificato sa cosa vuol dire per la questione della qualità. Riteniamo importante per i pazienti poter essere sicuri che le cellule staminali vengano applicate in modo corretto e qualitativamente impeccabile. Nel peer-reviewed http://bit.ly/cBNBYt si conferma che poiché il protocollo sviluppato da Beike consente l'utilizzo di cellule staminali del sangue del cordone senza soppressione immunitaria, può essere reso disponibile ad una popolazione di pazienti molto ampia. Fino ad oggi, i pazienti sottoposti a trapianto del sangue del cordone per combattere le malattie ematopoietiche sono stati immunosoppressi, al fine di evitare una condizione potenzialmente devastante conosciuta come “trapianto contro l'ospite”. La nuova ricerca sfida la necessità di tale pratica. Thomas Ichim, CEO Medistem, ha dichiarato, “E 'un onore collaborare con Beike su questa pubblicazione, Il fatto che la Beike sia in grado di dimostrare la sicurezza dei trapianti, manipolando una consolidata fonte di cellule staminali è un progresso notevole in questo campo. Queste nuove scoperte potrebbe aprire l'uso di sangue del cordone ombelicale per le malattie non ematologiche, qualcosa che finora non è stato effettuato su una base diffusa”. Il dottor Travis Ye, CEO della Beike Biotech, ha commentato: “Questa ricerca innovativa è coerente con il livello di sicurezza che abbiamo raggiunto dopo aver fornito le cellule staminali per il trattamento di oltre 8.000 pazienti. La nostra speranza è che gli studi e peer-reviewed di articoli come questo contribuisca a rafforzare i nostri legami con la comunità occidentale, la ricerca medica e scientifica, dimostrando che le staminali di Beike protocolli applicati entrambi efficaci e sicuri.” Lo studio è stato condotto da un team di ricercatori provenienti da Beike, Medistem, Nanshan Affiliato Ospedale di Guangdong, Medical College della University of Western Ontario (Canada) e dell'Università della California a San Diego.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati